Cronaca

Coronavirus, al Sacco di Milano è stato isolato il ceppo italiano

I ricercatori dell’Ospedale Sacco di Milano hanno isolato il ceppo italiano del Coronavirus.

Lo ha annunciato all’Ansa il professor Massimo Galli, direttore dell’Istituto di scienze biomediche, che ha illustrato i risultati del lavoro di ricerca che procede senza sosta da domenica scorsa, coordinato dalla professoressa Claudia Balotta.

Fanno parte della squadra le ricercatrici Alessia Loi, Annalisa Bergna e Arianna Gabrieli, precarie, insieme al collega polacco Maciej Tarkowski e al professor Gianguglielmo Zehender.

«Abbiamo isolato il virus di 4 pazienti di Codogno – ha spiegato il professor Galli – Siamo riusciti a isolare virus autoctoni, molto simili tra loro ma con le differenze legate allo sviluppo in ogni singolo paziente».

Questa scoperta consentirà ai ricercatori di «seguire le sequenze molecolari e tracciare ogni singolo virus per capire cos’è successo, come ha fatto a circolare e in quanto tempo». Il passo successivo sarà quello di studiare lo sviluppo di anticorpi e quindi di vaccini e di cure da parte dei laboratori farmaceutici.

Infine, sono saliti a 650 i casi di contagio in Italia e ci sono state tre nuove vittime in Lombardia, tutte ultra 80enni: due di 88 e una di 82 anni. «Persone con quadro clinico delicato e importante» ha detto Angelo Borrelli, Capo della Protezione Civile.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’appello di un’immunodepressa: “Lasciate le mascherine a chi rischia la vita”.

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close