Politica

L’annuncio di Conte: i due sostituti di Lorenzo Fioramonti

«Ringrazio il ministro Fioramonti per l’attività sin qui prestata. Abbiamo la necessità di rilanciare il comparto della ricerca e dell’università, non è vero che non abbiamo compiuto passi in avanti. Nel 2020 introdurremo l’Agenzia nazionale per la ricerca. Dobbiamo fare qualche sforzo in più, dovremo rilanciare un Piano straordinario per i ricercatori, migliorare i Fondi per il diritto allo studio».

Queste le parole del premier Giuseppe Conte, parlando alla conferenza stampa di fine anno, durante la quale ha annunciato anche i successori del dimissionario Lorenzo Fioramonti.

Il Presidente del Consiglio dei Ministri, infatti, ha annunciato: «Ho pensato di nominare la sottosegretaria Azzolina ministro della Scuola e il presidente della Crui Manfredi ministro dell’Università e della ricerca».

Lucia Azzolina

Lucia Azzolina è un dirigente scolastico ed è attualmente sottosegretario alla Scuola in quota MoVimento 5 Stelle. Gaetano Manfredi è, invece, rettore dell’Università Federico II di Napoli.

Critico il commento di Forza Italia con Anna Maria Bernini, presidente dei senatori: «Conte non finisce mai di incensarsi: oggi si è definito un centometrista che si appresta a fare la maratona, categorie incompatibili in atletica come in politica. Dietro queste accattivanti immagini, però, c’è solo un governo immobile per le sue contraddizioni, unito solo dall’attaccamento alle poltrone. Come dimostra la scelta di sostituire il ministro Fioramonti con Azzolina e Manfredi. Invece di aumentare i fondi per scuola e ricerca, Conte ha fatto un miracolo alla rovescia: la moltiplicazione dei ministeri».

Gaetno Manfredi

In una nota, poi, il MoVimento 5 Stelle ha affermato: «In bocca al lupo a Lucia Azzolina, neo ministro della Scuola. Un grande riconoscimento per il suo impegno che ci riempie di orgoglio. Ha sempre lavorato con grande determinazione e saprà rappresentare al meglio, e con grande attenzione, le istanze del mondo della scuola».

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close