Cronaca

Codice della strada: multe salate in arrivo per chi usa il telefono al volante

Le norme prevedono sanzioni più pesanti per chi utilizza lo smartphone, ma anche per gli “incivili” che non rispettano i disabili e i bambini.

Sanzioni più aspre per i trasgressori. Questo è ciò che è previsto dal nuovo Codice della strada, i cui punti sono al momento sottoposti al vaglio dei deputati per procedere poi all’effettiva promulgazione. Tra le modifiche previste ci sono sanzioni più dure per chi allontanerà le mani dal volante per usare lo smartphone, andare sui social o inviare messaggi.

Come dichiarato da Davide Serritella, deputato del Movimento 5 Stelle in commissione Trasporti, quello del cellulare negli ultimi anni è divenuto un problema sempre più serio, all’origine di numerosi incidenti e tragedie, come i fatti recenti purtroppo non smettono di ricordarci: “Quattro incidenti su dieci sono dovuti alla distrazione al volante e le contravvenzioni per uso di cellulare superano le 16mila l’anno. Abbiamo deciso così di modificare l’articolo 173 del Codice della strada, introducendo espressamente non solo il divieto dell’uso di smartphone, ma anche di computer portatili, notebook e tablet che spesso vediamo utilizzati come se niente fosse.”

Le sanzioni prevedono il pagamento di una multa da 422 a 1.697 euro, la sospensione della patente da sette giorni a due mesi e la decurtazione di cinque punti. Nel caso di recidiva, le multe potranno arrivare fino a 2.588 euro, con sospensione della patente da uno a tre mesi e decurtazione di dieci punti.

Saranno create anche delle “zone scolastiche” per limitare la velocità nei pressi degli istituti e l’obbligo di montare le cinture di sicurezza sugli scuolabus.

Attenzione particolare è riservata anche ai disabili, come spiegato da Carlo Ugo De Girolamo, deputato del Movimento 5 Stelle in commissione Trasporti alla Camera, che ha posto l’accento sulla necessità di arginare i comportamenti incivili.

Sarà possibile, esibendo naturalmente il contrassegno disabili, parcheggiare gratuitamente anche sulle strisce blu, mentre per chi parcheggia negli spazi riservati alla fermata o alla sosta dei veicoli per disabili o in corrispondenza degli scivoli saranno previste multe salate unitamente alla decurtazione dei punti sulla patente in numero da 2 a 4.

Gina Lo Piparo

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close