GenderIn evidenza

Cioccolato fuori dagli aerei Swiss, il motivo? Il titolare dell’azienda è contro i matrimoni gay

È di giorni fa la notizia del divorzio tra Swiss, la compagnia aerea elvetica filiale di Lufthansa, e l’azienda glaronese Läderach, il cui cioccolato sarà a bordo fino al prossimo aprile.

Il motivo di questa interruzione è la posizione conservatrice del proprietario del famoso marchio di cioccolato, che avrebbe anche partecipato lo scorso settembre alla marcia per la vita a Zurigo. La sua partecipazione non è passata inosservata agli investigatori del politicamente corretto, che non hanno preso bene tale presenza, tanto da attribuirgli dell’omofobo e antiabortista.

Il 33enne Johannes Läderach, titolare e amministratore delegato del gruppo, a tal proposito, ha cercato di dare spiegazioni che hanno peggiorato la sua posizione, entrando così nel mirino degli attacchi dai difensori dei diritti degli omossessuali, poiché hanno trovato offensive le sue affermazioni riguardo la posizione sui matrimoni gay.

Läderach, evangelico dichiarato, segue quei principi cristiani che tradizionalmente vedono nell’unione matrimoniale due figure di sesso opposto. Queste le dichiarazioni che hanno destato il polverone mediatico, tanto da costringere la fine di un decennale sodalizio per le pressioni di clienti e comunità LGBT.

La vicenda porta a pensare che un perdono generale è dovuto per tutti coloro che non hanno più il coraggio di sostenere le proprie idee ad alta voce. Si deve pur campare nell’era in cui anche il commercio subisce le pressioni del pensiero unico, dove lo scambio avviene non per la qualità ma per le posizioni politiche e sociali. Da quando è importante conoscere le idee, il credo, l’orientamento politico di chi offre un servizio? Fra qualche anno avremo un’unica certezza: ciò che acquisteremo e mangeremo sarà il risultato dell’approvazione per un “regolare” e “pertinente” modo di cogitare.

Filippa Tagliarino

LEGGI ANCHE: Assessorato di genere in Emilia – Romagna? “Questa sì che è discriminazione”.

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close