EsteriIn evidenza

Cina, nel 2019 perseguitati oltre 32mila cristiani della Chiesa di Dio Onnipotente

Secondo le statistiche (che sono in continuo aggiornamento), sono almeno 32.815 i cristiani della Chiesa di Dio Onnipotente, che, nel 2019, a causa della loro fede, sono stati perseguitati dal Partito Comunista Cinese (PCC). Tra loro: 6132 sono stati arrestati, 3824 sono stati torturati, 19 persone sono stati uccisi, dopo essere stati anche loro torturate. I loro «reati»? Avere partecipato ad alcune attività cristiane e avere divulgato il Vangelo.

LA CHIESA DI DIO ONNIPOTENTE

La Chiesa di Dio Onnipotente è un movimento religioso nato in Cina nel 1991 e da sempre perseguitato dalla dittatura comunista.

IL CONTINUO MONITORAGGIO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE

Tra i metodi utilizzati dal PCC per perseguitare i cristiani, il più diffuso è il monitoraggio dei canali di comunicazione. Ad esempio, nella provincia di Shandong le autorità politiche e militari hanno utilizzato le telecamere di videosorveglianza ad alta definizione per monitorare e pedinare i cristiani, eseguendo più di 924 arresti.

LEGGI ANCHE: Hudson Taylor, il pastore innamorato della Cina che lì portò Gesù.

CONTINUE CONDANNE PER I CRISTIANI

Nel 2019 i cristiani arrestati e condannati sono più di 1355, più del doppio del numero nel 2018. Sempre nel 2019, 64 fedeli sono stati condannati a 7 anni e 3 a 12 anni. I cristiani condannati e incarcerati  di solito vengono sottoposti a terribili violenze fisiche e psicologiche. A molti di loro viene imposto di lavorare gratuitamente dalle 12 alle 20 ore. A causa di questi abusi, diverse  persone sono morte durante il loro periodo di prigionia. Ad oggi, in Cina, la situazione di 4 milioni di cristiani va diventando sempre più drammatica.

Gabriele Giovanni Vernengo

LEGGI ANCHE: Mangiare funghi fa bene?

Tag

Gabriele Giovanni Vernengo

Classe 94', amante della cultura e dell'arte. Fermo nei propri valori e nella sua fede cristiana, porta avanti il proprio talento tramite la poesia e il giornalismo, definite da lui stesso come «missioni» e/o « vocazioni».

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close