Cina: 200mila tibetani, tra cui 62 monaci buddisti, si convertono a Gesù

di VoceControCorrente

Solo nell’ultimo anno, in Tibet, più di 200.000 persone sono venute a Cristo grazie alla divulgazione del vangelo dalle comunità cristiane del luogo.

(di Nausica Della Valle) In questi ultimi anni sta accadendo qualcosa di meraviglioso in termini di fede in Tibet, una regione della Cina considerata la più alta del mondo e la casa del Monte Everest.

Il popolo tibetano, che conta circa 6 milioni di persone, è un gruppo etnico originario del Tibet.  Oltre a vivere in Tibet, un numero significativo di tibetani vive in altre parti della Cina, così come in India, Nepal, Bhutan e nel mondo occidentale.
I tibetani sono per lo più buddisti, la religione principale in Tibet è stata il buddismo sin dalla sua diffusione nell’VIII secolo d.C.

«Per i tibetani, tutto riguarda la religione», ha detto una donna tibetana a Xining che ha chiesto l’anonimato a causa della sensibilità politica. «Pensano che il buddismo sia perfetto per loro – che la dottrina è quella perfetta. E se qualcuno sottolinea che c’è qualcosa che non va nella loro religione, è un’offesa enorme».

Secondo le stime dell’International Religious Freedom Report del 2012, la maggior parte dei tibetani (che rappresentano il 91% della popolazione della regione autonoma del Tibet) sono legati dal buddismo tibetano, mentre una minoranza di 400.000 persone (12,5% della popolazione totale del TAR) sono legati al Bon nativo o alle religioni popolari che condividono l’immagine di Confucio (tibetano: Kongtse Trulgyi Gyalpo) con la religione cinese, anche se sotto una luce diversa.

Secondo alcuni dati forniti da Joe Handley, presidente di Asian Access, un’organizzazione cristiana che cerca di diffondere la Parola di Dio nell’Asia meridionale, l’anno scorso, un sacerdote buddista tibetano ha conosciuto l’amore di Gesù Cristo dopo averlo visto un gruppo di operai cristiani fornire continuamente beni di soccorso al popolo della regione, quando un violento terremoto ha colpito la regione.

Secondo Asian Access. la chiesa è stata in prima linea nel fornire speranza e guarigione nelle loro comunità. Non hanno visto buddisti, indù o altri gruppi religiosi aiutare in mezzo alle macerie. Ma piuttosto, settimana dopo settimana, sono stati i seguaci di Gesù che hanno dimostrato la prova del tempo, hanno sacrificato la propria vita per servire ed erano le mani e i piedi di Gesù. La testimonianza di vita cristiana di quel gruppo ha permesso a quel seme d’amore cristiano piantato in quei giorni di crescere. In un aggiornamento, Handley riferisce che altri 62 monaci buddisti hanno deciso di seguire le orme dell’ex lama buddista e ora seguono anche Cristo.

E non è tutto. «Solo nell’ultimo anno, i dirigenti della chiesa Asian Access, hanno stimato che oltre 200.000 persone sono venute a Cristo a causa delle fatiche della comunità cristiana lì» riferisce Handley.

Asian Access sta giocando un ruolo chiave in questo movimento spirituale addestrando i dirigenti della chiesa con l’obiettivo di stabilire una crescita spirituale a lungo termine nella regione.

«Asian Access ha il privilegio di incontrare pastori chiave come quelli che hanno investito nella vita di questo sacerdote tibetano», afferma Handley. «Investiamo profondamente, sviluppando le loro capacità in modo che possano raggiungere le loro comunità».

«Dio fa cose straordinarie quando investi nelle persone e le vedi crescere spiritualmente in Lui, diventare più forti e preparati come leader, che imparano a riprodurre altri leader, e a fondare chiese», aggiunge.

Ora molti cristiani tibetani stanno usando Thangka (è uno stendardo buddista dipinto o ricamato, appeso in un monastero o su un altare di famiglia) per predicare la storia della vita della creazione e della caduta dell’uomo, la Storia di Gesù e la Storia di Dio e dell’uomo prima di Gesù.

Nausica Della Valle

Leggi anche: In Cina stanno impedendo ai giovani di diventare seguaci di Gesù.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati