Economia

Certificazione ISO 9001: Cos’è e a che cosa serve

Con la sigla ISO 9001 si intende una serie di norme e linee guida per le Aziende e in generale per tutte le organizzazioni di qualsiasi natura. Prevista e prodotta dall’Organizzazione internazionale per la Normazione (International Standard Organization), non è altro che uno standard di qualità riconosciuto a livello internazionale al quale l’azienda sceglie liberamente se conformarsi o meno.

Quali le conseguenze pratiche

Per chi decide di adeguarsi, prevede la costituzione di un Sistema per la gestione della qualità (in sintesi SGQ) che sostanzialmente non è altro che una serie di procedure, documenti dai quali emerge come (le modalità) l’azienda sta producendo quel dato prodotto o come eroga quel determinato servizio.

Il fine è sottoporre ad un controllo qualitativo l’intero processo produttivo dell’azienda. Monitorando tutte le attività e tutti i processi, il risultato sarà migliorare efficacia ed eliminare le inefficienze. Tutto finalizzato al miglioramento delle prestazioni aziendali, che incide poi sulla qualità del prodotto finale fornito o del servizio erogato al cliente.

A chi serve questa certificazione? E’ un obbligo rispettarla?

Essa si rivolge, come già detto, a tutte le organizzazioni sia pubbliche che private, a qualsiasi tipo di azienda, da quelle che producono (e vendono) manufatti a quelle che erogano servizi.

La certificazione ISO 9001, e di conseguenza il rispetto di queste norme, non rappresenta in teoria un obbligo per le aziende, pertanto sarebbe tutto a discrezione del titolare che decide se conformarsi o meno.

Questo però solo in teoria perché di fatto poi un obbligo è come se lo fosse. Se l’azienda, infatti, vuole evitare di essere sorpassata dalla concorrenza che invece si adegua, è molto meglio che ottenga la certificazione.

Nel prossimo paragrafo non a caso si spiegherà dettagliatamente cosa succede, in termini di svantaggi che ricadono sulle aziende, se c’è l’inosservanza e il non rispetto di queste normative.

I benefici derivanti dall’osservanza di queste norme

Rispettare le norme ISO 9001 per l’azienda è molto conveniente, anzi è fondamentale. Con questa certificazione l’azienda ottiene molti vantaggi quali, ad esempio:

  • il contenimento dei costi (perché si mira ad eliminare le inefficienze),
  • l’aumento dei profitti.

Un altro vantaggio non trascurabile è la migliore soddisfazione del cliente, che ha maggiore fiducia a relazionarsi con un azienda che è certificata, pertanto è buono ai fini della fidelizzazione dello stesso.

Anche la stessa azienda, dal proprio canto, quasi sempre sceglie fra i tanti il fornitore che si è adeguato a queste norme, perché lo ritiene più affidabile e considera questo standard un requisito minimo, un punto di partenza.

Per non parlare poi del fatto che l’azienda che non rispetta questo standard qualitativo si trova concretamente impossibilitata a partecipare ai bandi di gara pubblici. Poiché quasi tutti lo prevedono come requisito indispensabile ed indefettibile è svantaggio non indifferente.

In altri termini: meglio osservare queste norme, anziché trascurarle.

Infine, c’è da dire che il rispetto di questi standard qualitativi incide altresì sulla reputazione, sull’immagine dell’azienda, che facendo così si dimostra più trasparente nei confronti dei propri stakeholders e dell’intero mercato.

In conclusione

E’ difficile pensare che oggigiorno un’azienda possa prescindere dal rispetto di queste norme, farlo infatti significa, per utilizzare una locuzione calcistica assai nota, fare un clamoroso autogol.

Si ricorda che ci si deve rivolgere, per ottenerla, agli enti accreditati e dopo aver avviato quanto richiesto, l’ente concorderà insieme all’azienda un appuntamento per recarsi presso di essa per una verifica.

Controllare in altri termini se il Sistema di Gestione è conforme ai requisiti previsti dalla normativa ISO 9001.

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close