Gender

Centinaia di giovani trans, dopo l’operazione di cambio di organi genitali, cercano di tornare com’erano

Charlie Evans è nato femmina dopo aver fatto una detrazione per il cambio di genere. Afferma che centinaia di trans che hanno subito un intervento di riassegnazione di genere vorrebbero non averlo fatto.

Charlie Evans, 28 anni di Newcastle (Regno Unito), è nato femmina ma identificato come maschio per quasi 10 anni prima di interrompere il testosterone e tornare donna.

Su Sky News ha dichiarato che centinaia di giovani transessuali dopo anni di terapie ormonali e interventi chirurgici, cercano aiuto per tornare al loro genere originale. Secondo molte persone, tra l’altro, i sessi in transizione non aiutano la disforia di genere. In ‘centinaia’ l’hanno contattata dopo aver smesso di assumere testosterone quest’anno.

Il numero di giovani che cercano la transizione di genere è ai massimi storici, ma sentiamo molto poco di coloro che potrebbero essere infelici del nuovo genere, perché si pentono della loro decisione e vogliono essere aiutati per una detrazione per il loro sesso biologico.

Evans sta istituendo la rete di sensibilizzazione della detrazione per aiutare le persone che si sentono allo stesso modo. Lei ha fatto una detrazione nel 2018 e ha reso pubblica la sua storia e ha detto di essere rimasta sbalordita dal numero di persone che ha scoperto in una posizione simile.

«Sono in comunicazione con i diciannovenne e ventenni che hanno subito un intervento chirurgico di riassegnazione di genere che desiderano non averlo fatto, e la loro disforia non è stata alleviata, non si sentono meglio», dice. «Non sanno quali siano le loro opzioni adesso».

Charlie afferma di essere stata contattata da centinaia di persone in cerca di aiuto, 30 persone solo nella sua zona di Newcastle, nel Regno Unito.

Charlie Evans.

Secondo Charlie, alcune delle caratteristiche comuni che ha riscontrato tra i giovani che la contattano, è che «spesso hanno 20 anni e sono per lo più donne attratte dallo stesso sesso e molte anche autistiche».

Ricorda di essere stata avvicinata da una ragazza con la barba che l’abbracciò dopo aver pronunciato un discorso pubblico, la quale spiegò che anche lei era una donna distrutta. Le ha confessato che la comunità LGBT l’ha emarginata per essere stata una traditrice. «Quindi ho sentito che dovevo fare qualcosa» dice Charlie.

Alla fine del mese Charlie promuoverà un ente di beneficenza chiamato The Detransition Advocacy Network e il loro primo incontro che si terrà a Manchester.

Sky News ha intervistato una persona che ha contattato la rete di beneficenza di Charlie per chiedere aiuto.

Ha preferito l’anonimato, quindi Sky News ha cambiato il suo nome.

Questa è la storia di Ruby, nato femmina ventuno anni fa, ha iniziato a identificarsi come maschio a 13 anni. Dopo aver assunto il testosterone la sua voce è diventata molto più profonda, sono cresciuti i peli del viso e il suo corpo è cambiato.

Quest’estate aveva in programma di sottoporsi a un intervento chirurgico per togliersi il seno. Tuttavia, a maggio, Ruby ha espresso i crescenti dubbi che stava nutrendo e ha preso la decisione di uscire dalla terapia del testosterone e dalla detrazione per identificarsi come femmina. Ai microfoni di Sky News racconta:

«Ero convinta che nessun cambiamento sarebbe stato sufficiente alla fine e ho pensato che sarebbe stato meglio lavorare su me stessa e sulle sensazioni che provavo, piuttosto che cambiare il mio corpo», dice Ruby.

Ruby spiega che ha sofferto di disturbi alimentare, ma non ritiene che il problema sia «stato esaminato e approfondito nelle sessioni di terapia che ha avuto quando è andata ai servizi di identità di genere.

«Quando ero nella mia clinica di genere per ricevere gli ormoni, abbiamo avuto una sessione in cui ho esaminato i miei problemi di salute mentale e ho parlato del mio disturbo alimentare e non hanno mai suggerito che questo stato poteva essere collegato alla mia disforia di genere», dice Ruby.

«Per tutti coloro che hanno disforia di genere, siano essi trans o no, voglio che ci siano più opzioni per noi perché penso che ci sia un sistema migliore di dire: ‘ok, ecco i tuoi ormoni, ecco il tuo intervento chirurgico, ora puoi andare’».

Il Tavistock and Portman NHS Trust (Istituto londinese di fiducia specializzato nella salute mentale) offre servizi di identità di genere per bambini di età inferiore ai 18 anni, con alcuni pazienti anche di età compresa tra tre o quattro anni.

La transizione di genere ha esiti positivi per molte persone e persino parlare di detrizione è visto da alcuni come transfobico.

Ma alcuni credono che siano necessarie ulteriori ricerche e ulteriori discussioni nel trattamento delle persone con disforia di genere, oltre a più opzioni per loro rispetto alla transizione di genere.

Ancora più terrificante è il dato dei transessuali che tenta almeno una volta il suicidio prima del compimento del ventunesimo compleanno, oltre il 50%. Più numerosi sono quelli che si fanno del male, infliggendosi delle ferite o compiendo altri gesti autolesionistici.

Nausica Della Valle

Leggi anche: Anche Star War Resistance ha una coppia gay.

Tag

Nausica Della Valle

Direttrice editoriale di Vocecontrocorrente.it.

Articoli correlati

Back to top button
Close