EsteriIn evidenza

C’è la guerra, papà siriano inventa il gioco del sorriso per la figlia (Video)

Nei giorni scorsi, un video di un papà amorevole verso la figlia ha fatto il giro del web. Abdullah Al-Mohammed, questo il nome del protagonista, è un padre, e come ogni padre ha il dovere di proteggere i propri figli, e Abdullah lo fa nell’unico modo che gli è concesso, ovvero inventare un gioco per evitare ripercussioni psicologiche alla figlia di appena 3 anni.

Salwa non sa che quel gioco è frutto di un amore di tutela nei suoi confronti, infatti, mentre fuori è in atto una guerra, loro si divertono ad ogni scoppio di una bomba. Il gioco consiste in questo, ridere.

I bombardamenti del regime di Damasco sono incessanti, la guerra civile non risparmia vite e sono circa 900 mila gli sfollati, come Abdullah e Salwa, ospiti in casa di amici a Samarda, nella regione di Idlib, nel nord-ovest della Siria, proprio sotto assedio delle truppe di Bashar al-Assad.

Apparentemente al sicuro, la piccola vive in quel limbo creato appositamente per lei, dove delle esplosioni con un po’ di fantasia riescono a diventare dei fuochi d’artificio o spari di una pistola giocattolo.

Il video, pubblicato su Twitter da Mehmet Algan, ex deputato del Partito della Giustizia e dello sviluppo turco della regione di Hatay, ha commosso milioni di utenti che hanno elogiato quel padre tanto premuroso.

È chiaro che le risate celano la morte nel cuore di un uomo inerme che possiede ben poco per salvare la vita alla propria figlia, il pericolo è dietro l’angolo, ma le sue risate, unica arma a disposizione, salvano quella bambina che potrebbe anche perdere la vita, ma non sarebbe il suo cuore a morire, perché quello è ripieno dell’amore di un padre che le regala sorrisi di sopravvivenza, nella speranza che la piccola Selwa di quei giorni possa solo ricordare quel gioco divertente e non l’orrore che la circonda.

Filippa Tagliarino

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close