Caso Siri, Salvini contro il M5S: ‘Tappatevi la bocca, è l’ultimo avviso’

di VoceControCorrente

Trema il governo giallo-verde.

Il dibattito interno al governo Conte si infiamma come non mai. Quando mancano soltanto 48h al consiglio dei ministri che dovrebbe revocare le deleghe al sottosegretario ai Trasporti Armando Siri, i rapporti tra Lega e Movimento 5 stelle sono tesissimi.

Per il premier Giuseppe Conte “il caso è chiuso”. Le dimissioni dell’esponente del Carroccio indagato restano un fatto necessario e indiscutibile. “Nel Cdm di mercoledì – ribadisce il primo ministro -, ci si aspetta quel senso istituzionale chiesto alla Lega”.

Ma a rendere più complicata la questione sono le parole del vice premier Matteo Salvini, intervenuto durante un comizio a Galluzzo, nel fiorentino. “Io sono abituato a non abbandonare mai gli uomini con cui si è fatto un pezzo di strada insieme e questo vale a livello locale come a livello nazionale. Non ascolto gli insulti di chi dovrebbe essere mio alleato”. Poi, dal segretario del Carroccio la chiosa di fuoco: “Sarebbe meglio se gli M5s ci aiutassero a cambiare in meglio questo paese senza offendermi ogni giorno“.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati