Economia

Cashback, quali spese rientrano e quali sono escluse per maturare il bonus

Nonostante i primi intoppi con l’app IO, il piano Cashback del Governo prosegue ottenendo riscontri positivi da parte degli Italiani. È sempre più alto infatti il numero degli aderenti al programma, che prevede un rimborso del 10% per gli acquisti effettuati tramite carte, bancomat e app.

Un regime straordinario, oltretutto,  per il mese di dicembre, che costituisce una sorta di fase sperimentale per cui è previsto un Extra-cashback di massimo 150 euro sugli acquisti fino al 31 del mese. 

Ma quali sono esattamente le spese utili ai fini del bonus e quali quelle scartate? Vediamolo nel dettaglio.

Leggi anche: Cashback di Natale retroattivo, la proposta contro i problemi dell’app Io

Cashback, quali spese vi rientrano?

Gli acquisti possono essere i più svariatati: dalle consumazioni al bar o al ristorante fino alla spesa al supermercato o consegnata a domicilio e pagata tramite POS mobile.

Incluse anche le prestazioni di artigiani e professionisti, “purché le transazioni siano effettuate con i metodi di pagamento elettronico attivati al Cashback, tramite dispositivi fisici di accettazione, come i POS, forniti da Acquirer Convenzionati che ti permettano di partecipare all’iniziativa – come spiega il sito di IO– . Per questo, prima di eseguire un pagamento verso artigiani e i professionisti, verifica con loro se i sistemi di incasso utilizzati consentano la partecipazione al Cashback”.

Incluse anche le spese medico-sanitarie detraibili, ad esempio quelle per i farmaci o le prestazioni sanitarie.

Spese escluse dal Cashback

Il Cashback riguarda solamente gli acquisti fisici. Pertanto, tutte le trattative online ne restano fuori. Esclusi portali online, attività di e-commerce, operazioni effettuate con gli sportelli bancomat.

Inoltre, le transazioni devono riguardare spese di ambito privato, non relative quindi all’esercizio della propria attività imprenditoriale, professionale o artigianale.

Non partecipano neanche le spese pagate tramite bonifico e quelle relative a pagamenti ricorrenti con addebito su carta o su conto corrente.

 

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close