Cara di Mineo, l’evacuazione va avanti ma mancano 21 migranti

di VoceControCorrente

Oggi inizia l’evacuazione del Cara di Mineo. 150 migranti verranno trasferiti, ma ne mancano all’appello almeno 21.

Il piano del Viminale prevede tre giorni per trasferire dal Cara di Mineo, tristemente noto per essere legato alla mafia nigeriana, almeno 150 migranti. Le manovre sono iniziate, ma sembra che non tutto sia andando per il verso giusto.

Seguendo le disposizioni contenute all’interno del decreto Sicurezza, il Cara di Mineo sarà chiuso entro un anno, ma in queste ore di operazioni mancano all’appello almeno 21 migranti, se non addirittura di più.

Su 50 migranti che dovevano presentarsi all’appello giovedì mattina se ne sono presentati 44: gli altri 6 sembrano scomparsi nel nulla. Le procedure di sgombero sono continuate, sottolineando continue incongruenze sui numeri, fino alla cifra di 21 scomparsi.

Le persone scomparse non sono fuggite e non hanno reagito in maniera violenta: semplicemente non si sono presentate all’appello. Pare che si tratti di uomini senza famiglia né figli, che hanno un permesso di soggiorno. Di fatto, però. non si sa proprio che fine abbiano fatto, cosa che spaventa non poco.

I migranti in questa condizione non hanno diritti all’alloggio ma possono rimanere in Italia quanto vogliono, vagando senza meta e senza rischio di essere espulsi. Frattanto, comunque, le procedure di evacuazione continuano: sono previsti spostamenti fino alla fine di febbraio.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati