EsteriGender

Cambiare pronomi e relazioni familiari: le risoluzioni di Nancy Pelosi per rendere la Camera dei Rappresentanti la più inclusiva nella storia

Un pacchetto di regole per rendere la Camera dei Rappresentanti Usa la più inclusiva nella storia. Il presidente Nancy Pelosi e il rappresentante James McGovern hanno annunciato le risoluzioni per il 117° Congresso. Tra le varie proposte, anche quella di cambiare “i pronomi e le relazioni familiari nelle regole della Camera per essere neutrali rispetto al genere o rimuove i riferimenti al genere, a seconda dei casi, per garantire di essere inclusivi di tutti i membri, delegati, commissari residenti e le loro famiglie, compresi quelli che non sono binari”.

“Grazie alla guida del presidente McGovern e dei nostri membri, i Democratici hanno creato un pacchetto di riforme audaci e senza precedenti, che renderanno la Camera più responsabile, trasparente ed efficace nel nostro lavoro per soddisfare le esigenze del popolo americano”, ha affermato Nancy Pelosi.

Le reazioni tuttavia non sono state favorevoli dalla parte repubblicana. “Questa è una palese presa di potere da parte dei Democratici alla Camera. Nancy Pelosi sta soffocando il dibattito e ribaltando le regole della casa di vecchia data. Oltraggioso”, ha commentato il repubblicano Ted Budd (R-NC) su Twitter.

E mentre il rappresentante del Tennessee ha concluso apostrofando direttamente come ridicole le proposte della Pelosi, Lance Gooden, rappresentante del Texas, obietta: “I blocchi stanno distruggendo la nostra economia. Migliaia di attività commerciali sono state chiuse definitivamente. Milioni di americani sono senza lavoro. Eppure @SpeakerPelosi e i Democratici sono più preoccupati di eliminare parole come “padre” e “madre””.

 

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close