Famiglia

Bullismo e cyberbullismo: tra i fenomeni più temuti dai giovani

Dopo la violenza sessuale e le droghe, il bullismo e il cyberbullismo sono i fenomeni più temuti tra i giovani. Ecco quanto è emerso da uno studio condotto dall’Osservatorio in difesa di Terre des Hommes e ScuolaZoo.

Nel corso dello studio, sono stati raccolti timori e opinioni di 8mila ragazzi e ragazze delle scuole secondarie in tutta Italia su violenza, discriminazioni e stereotipi di genere, bullismo, cyberbullismo e sexting diffusi in occasione della Giornata Nazionale contro bullismo e cyberbullismo e del Safer Internet Day.

I DATI

A temere il bullismo è il 16% del totale degli intervistati, mentre la paura per il cyberbullismo tocca quasi il 15%, la violenza sessuale è maggiormente temuta dal 31,73% e il 24,7% ha la fobia per le droghe. Piùdi 4 ragazzi su 10 hanno subito atti bullismo (44,9% tra le ragazze e 46,5% nei ragazzi). 6 su 10 hanno assistito a fenomeni di violenza in rete e non. Il cyberbullismo fa paura al 40% degli intervistati.

LA CONFESSIONE DEI RAGAZZI

Sono gli stessi adolescenti ad ammettere di non essere stati solo vittime di fenomeni di bullismo e/o cyberbullismo. Infatti, un ragazzo su 10 dichiara di essere stato anche «carnefice ». Questo dato, invece, subisce un dimezzamento se si tratta delle ragazze.

LE RAGAZZE? LE VITTIME FACILI DEL CYBERBULLISMO

La violenza in rete è quella che fa più paura. Il cyberbullismo viene infatti percepito da 4 adolescenti su 10 (39,7%) come molto rischioso. Ad essere maggiormente colpite dal cyberbullismo sono le ragazze. il 12,4% delle giovani (contro il 10,4% dei ragazzi) ammette di esserne state vittima. A questi dati, è necessario sommare la sofferenza provocata dai commenti a sfondo sessuale, subiti dal 32% delle ragazze e dal 6,7% dei ragazzi. Al secondo posto c’è la paura di diventare bersaglio di trolling e di subire molestie online, fenomeno che disturba il 9,5% degli adolescenti (il 16% dei maschi e il 7,2% delle femmine).

PRIVACY A RISCHIO

La perdita della propria privacy è considerato un rischio dal 33,1% degli adolescenti, con lo scarto di un punto tra femmine e maschi, a favore di quest’ultimi. Il 32% delle ragazze teme di diventare bersaglio di appellativi volgari, rischio che preoccupa solo il 21,8% dei ragazzi. Essere adescate online e’ l’incubo del 28,4% delle ragazze (1 ragazza su 3).

Gabriele Giovanni Vernengo

Tag

Gabriele Giovanni Vernengo

Classe 94', amante della cultura e dell'arte. Fermo nei propri valori e nella sua fede cristiana, porta avanti il proprio talento tramite la poesia e il giornalismo, definite da lui stesso come «missioni» e/o « vocazioni».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close