Bioetica

Brasile, stretta sulle interruzioni di gravidanza in caso di stupro

Nuove restrizioni emanate dal Ministero della Sanità

Stretta del Basile sulle interruzioni di gravidanza in caso di violenza sessuale.

Il ministero della Sanità ha emanato nuove restrizioni per poter abortire tra cui l’obbligo del personale medico di offrire alla donna la possibilità di vedere l’embrione o il feto attraverso l’ecografia.

La donna che sceglie di abortire dovrà anche «raccontare nei dettagli» cosa è successo e verrà avvertita che rischia un’azione legale se non riuscirà a dimostrare che è stata violentata.

Inoltre, lo stupro sarà necessariamente denunciato alla polizia che la donna lo voglia o meno.

Il Brasile, guidato da Jair Bolsonaro, e dove le Chiese cattoliche ed evangeliche conservatrici sono molto influenti, consente l’aborto solo in caso di stupro, o di pericolo per la vita della donna o gravi problemi di salute.

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close