Esteri

Boko Haram intensifica gli attacchi: chiuse 60 scuole in Camerun

Il gruppo terroristico sta sfruttando il momento delicato a causa della pandemia

Il gruppo islamico Boko Haram ha intensificato i suoi attacchi in Nigeria. I suoi combattenti seminano morte e distruzione nei villaggi di confine del Camerun settentrionale, dove la presenza del gruppo è più forte. Secondo quanto riferisce Porte Aperte, 60 scuole site nella zona sono state chiuse. 

“Gli insegnanti sono fuggiti e almeno 34.000 studenti sono stati sfollati, costretti a lasciare i loro villaggi”, ha detto l’ufficiale scolastico regionale.

Gli estremisti stanno sfruttando a proprio vantaggio il momento delicato a causa della pandemia. “La crescente attività degli attivisti islamici è particolarmente minacciosa per le comunità cristiane”, dichiara uno dei partner di Porte Aperte.

Indicativa la storia di Jeannette. il suo villaggio, Makhoulahe, è stato attaccato da 300 membri di Boko Haram. 

“Mi hanno sparato e penso di aver schivato tre proiettili. Pensavo di essere al sicuro quando uno degli aggressori mi ha afferrato da dietro e mi ha pugnalato al collo. Sono riuscita a liberarmi e a scappare. Sono venuta da mio zio maledettamente”, racconta. 

Un membro del team di porte Aperte racconta: “Non avevamo nulla da offrire a questi cristiani in lutto, tranne una preghiera e un messaggio di solidarietà dal corpo di Cristo in tutto il mondo. Umanamente, forse era troppo semplice. In effetti, è stata una cosa molto profonda essere con loro quel giorno, mentre Jeannette e altri cristiani hanno affrontato uno dei momenti più difficili della loro nuova realtà: dare un ultimo saluto alle loro famiglie e parenti”.

 

Tag

Gina Lo Piparo

Laureata in Scienze dell'antichità, ama la natura, i viaggi, la poesia, l'arte, la scrittura e Dio, fonte di tutte queste cose. Missionaria, crede nei valori cristiani, che intende come uno stile di vita concreto, reale e rivoluzionario.

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close