Cultura & Scienze

“Attenzione alla seconda ondata”, l’avvertimento dell’OMS

Mike Ryan, capo delle emergenza dell'OMS, ha ricordato che le epidemie spesso si diffondono a ondate.

I Paesi in cui i contagi da Covid-19 si stanno riducendo devono prepararsi a un possibile «immediato secondo picco» se allentano troppo velocemente le misure restrittive decise per arginarne la diffusione.

Lo ha detto nella videoconferenza quotidiana da Ginevra il capo delle emergenze dell’OMS, Mike Ryan. Dopo avere constatato che il mondo è ancora nel pieno della diffusione, Ryan ha sottolineato che il contagio sta ancora aumentando nell’America Latina, Asia del Sud e in Africa, ricordando che spesso le epidemie si diffondono a ondate.

«Quando parliamo di una seconda ondata, intendiamo quella che classicamente arriva mesi dopo la prima. Ma dobbiamo anche essere consapevoli che la malattia può risalire in qualsiasi momento: possiamo avere un secondo picco di questa stessa ondata».

LEGGI ANCHE: Andrea Bocelli: “Ho avuto il Covid-19”

Per questo, ha detto, i Paesi europei e del Nord America devono continuare a mantenere misure di sorveglianza, politiche di test e «una strategia complessiva per continuare a contenere la diffusione del virus per evitare un secondo picco immediato».

Su una potenziale seconda ondata è intervenuto anche Roberto Speranza, ministro della Salute: «È ricorrente nella storia delle pandemie e non può essere sottovalutata. Dobbiamo farci trovare pronti, guai a pensare che la sfida sia finita».

LEGGI ANCHE: Open Arms, Italia Viva salva Matteo Salvini.

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close