Gender

Assurdo: nel Regno Unito ai bambini adesso si insegna che ci sono 100 generi

(di Redazione) La BBC (la TV di Stato del Regno Unito), attraverso alcuni documentari, sta insegnando ai bambini che esisterebbero più di 100 ‘identità di genere‘, seminando così confusione nelle menti dei più piccoli in maniera intenzionale.

La serie dei cortometraggi è intitolata The Big Talk ed è stata prodotta dalla BBC Teach per bambini dai 9 ai 12 anni. I film mostrano adulti che rispondono alle domande dei bambini su sesso, relazioni e genere.

«Capire le identità di genere» non è che uno degli argomenti trattati nei documentari insieme a temi apparentemente innocui come l’immagine corporea, la pubertà e la sicurezza online.

Ecco alcune domande presenti nel video sull’identità di genere: «Quali sono le diverse identità di genere?», «Perché ci sono così tante lettere in LGBTQ?», «Cosa pensi che significhi transgender?» e altro ancora.

Alla domanda quali sono le diverse identità di genere, un insegnante di relazioni ed educazione sessuale ha risposto così: «Ci sono così tante identità di genere. Sappiamo che ci sono maschi e femmine ma ora ce ne sono oltre 100, se non più. […] Alcune persone si potrebbero definire ‘gender queer’ che è lo stesso che dire ‘Non voglio essere niente in particolare, sarò solo io’».

Un altro cortometraggio intitolato Rispettando me stesso e gli altri, parla dell’ideologia transgender e sostiene che i critici «semplicemente ne sanno poco».

Un insegnante, poi, dice ai bambini che «le persone possono andare in prigione se si dimostra che abbiano mancato di rispetto o che sono state odiose nei confronti di quelle che si percepiscono in maniera differente».

Ora, di recente, Royal College of General Practitioners (l’organismo professionale dei medici di medicina generale nel Regno Unito), ha affermato di avere riconosciuto sei ‘sessi’. Oltre al maschio e alla femmina, infatti, l’RCGP adesso riconosce il genere neutro, il genere fluido e il queer.

Stephanie Davies-Arai, autrice e fondatrice di Transgender Trend, contraria all’insegnamento dell’identità di genere nelle scuole, ritiene che la pletora di generi siano «assurdità inventate».

«Le persone sono libere di identificarsi come qualsiasi cosa a loro piace ma ciò non cambia la realtà, ovvero che ci sono solo due sessi», ha detto la Davies-Arai al Sunday Times.

«Suggerire che essere maschio o femmina sia solo un’identità personale è falso e inevitabilmente confonderà i bambini nel credere che il loro sesso biologico sia una scelta», ha aggiunto.

La BBC, comunque, difende i suoi documentari, affermando che la seria «è stata realizzata con più di 50 esperti e professionisti indipendenti ed è destinata a essere utilizzata dagli insegnanti, all’interno dello spazio sicuro delle classi, per promuovere ulteriori conversazioni con gli studenti sugli argomenti sollevati».

Redazione

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close