Esteri

Argentina, le femministe in piazza per chiedere aborto libero

Tornano in piazza le “bandane verdi”.

Una manifestazione per chiedere aborto libero, sicuro e gratuito anche dopo la quattordicesima settimana. Le femministe dell’Argentina sono scese nuovamente in piazza in questi giorni per chiedere al Senato di legalizzare l’interruzione volontaria di gravidanza.

L’onda delle cosiddette “bandane verdi” aveva già manifestato a Buenos Aires la scorsa estate, quando la proposta di legge in oggetto era stata approvata alla Camera, per poi arenarsi all’interno dell’altro ramo del parlamento. Complice dello stop, la ferrea opposizione al disegno di legge del presidente Mauricio Macri e delle forze politiche di centro e di destra.

Ma le dimostranti non sembrano essersi date per vinte. A poco sono valsi i drammatici dati emersi nei mesi scorsi: si consideri infatti che in Argentina – ogni anno – vengono interrotte spontaneamente circa 500 mila gravidanze. Un numero record che ha spinto comunque le femministe a chiedere maggiore libertà.

Convinte che una nuova legge possa abbassare il numero di vittime derivanti dall’aborto (è la prima causa di morte nel paese sudamericano), hanno manifestato con uno slogan dal retrogusto agghiacciante: “Se muoio di aborto clandestino, gettate il mio corpo dentro il Parlamento”.

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close