Allarme dall’Onu: il cambiamento climatico aumenterà fame e immigrazione

di VoceControCorrente

Previsioni nefaste dalle Nazioni Unite.

Nuovo allarme lanciato sul tema del cambiamento climatico. Questa volta è l’Onu a dire la sua attraverso un rapporto che monitora l’evoluzione del nostra pianeta e realizza stime sul futuro. A tal proposito, con la relazione “Cambiamento climatico e territorio”, i cui risultati sono stati diffusi stamattina, arriva un annuncio alquanto nefasto per la popolazione mondiale.

Il cambiamento climatico porterà infatti all’aumento di fame e flussi migratori. A pagare le conseguenze di queste mutazioni saranno principalmente le popolazioni di Asia e Africa, molte dei quali verranno costrette a lasciare i paesi d’origine. Scarsità d’acqua, improduttività dei terreni, scomparsa di alcune coltivazioni e decimazione dei mari porterà – a lungo andare – alla scomparsa di diverse specie vegetali e animali, di cui oggi ci cibiamo. A curare l’indagine, tra gli altri, anche una ricercatrice italiana, Angela Morelli.

Ma l’Onu sollecita indirettamente interventi istituzionali sul tema del climate change. Secondo le Nazioni Unite, infatti, il famoso accordo di Parigi (datato al 2015) sull’aumento delle temperature e le emissioni globali, sarebbe già “superato”, tanto da richiedere nuove strategie internazionali per correre ai ripari.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati