Affidi illeciti, nuova richiesta di arresto per il sindaco di Bibbiano (e per altre 4 persone)

di VoceControCorrente

(di Redazione) La Procura di Reggio Emilia ha presentato ricorso su una vicenda relativa a una serie di incarichi di difesa dei minori in affido.

I magistrati, pertanto, hanno deciso di impugnare la decisione del GIP di negare gli arresti domiciliari a cinque indagati dell’inchiesta Angeli e Demoni sugli affidi in Val d’Enza, fra cui il sindaco di Bibbiano, Andrea Carletti.

Lo riporta la Gazzetta di Reggio.

Oltre al primo cittadino, al centro del provvedimento ci sarebbero anche la dirigente dei servizi sociali Federica Anghinolfi e l’avvocato reggiano Marco Scarpati che, secondo l’accusa, avrebbe ottenuto un ingiusto vantaggio patrimoniale per gli incarichi a lui affidati dall’Unione dei Comuni della Val d’Enza, della quale Carletti era delegato ai servizi sociali. In particolare, Carletti avrebbe affidato alcuni spazi comunali in maniera non regolare a un’associazione coinvolta nell’inchiesta.

Secondo la Procura l’ipotesi di reato è abuso d’ufficio.

Indagati anche l’istruttore direttore amministrativo del servizio sociale Barbara Canei e la responsabile dell’ufficio di Piani dell’Unione, Nadia Campani.

Il prossimo 16 settembre ci sarà la decisione del Riesame di Bologna.

Redazione

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati