CronacaIn evidenza

A messa con la prenotazione online, tutto esaurito

Succede nella Diocesi di Reggio Emilia - Guastella

Per la fase due dell’emergenza coronavirus, è stata attivata una piattaforma che consente di prenotare la messa scegliendo il giorno e l’ora.

L’iniziativa parte dalla diocesi di Reggio Emilia – Guastalla che ha messo in piedi una piattaforma ad hoc alla quale si stanno rivolgendo anche singole parrocchie di altre parti d’Italia, come Torino e Milano, per fare in modo che i fedeli possano prenotare in tutta tranquillità da casa un posto per la messa nella parrocchia di riferimento.

Per domani, primo giorno di celebrazioni domenicali con le norme anti contagio, è praticamente tutto esaurito nelle messe centrali. «Il vescovo Massimo Camisasca – ha spiegato all’Adnkronos il segretario don Umberto Tagliaferri – ha chiesto una fatica in più ai parroci per non tornare a chiudere le messe ai fedeli nell’eventualità di un ritorno di contagio a ottobre. Noi dobbiamo raggiungere un livello di sicurezza tale che anche nel momento in cui dovesse tornare l’epidemia possiamo continuare a celebrare le messe coi fedeli perché garantiamo un regime di sicurezza».

In tutte le parrocchie della diocesi, dunque, come spiega il segretario vescovile, anche se non è vincolante nel resto del Paese sarà tassativamente misurata la temperatura corporea dei fedeli col termoscanner. «Se una persona risultasse positiva al coronavirus, con la prenotazione on line saremo in grado di fornire immediatamente alla ASL i nomi delle persone a messa per contenere immediatamente l’eventuale inizio di un focolaio. I dati sono protetti dalla privacy», ha spiegato don Tagliaferri.

«Siamo partiti da una settimana – ha spiegato Marco Magnanini, responsabile dello studio Il Granello che lavora in sinergia con la diocesi – e abbiamo già avuto ottomila prenotazioni. Sulle messe principali di domani mattina è pressoché sold out».

Per prenotare, basta indicare la parrocchia di riferimento e sulla piattaforma esce il numero massimo di posti consentiti. «L’unica cosa che non si può fare – ha spiegato il responsabile dell’agenzia – è prenotare un posto fisso ma lo si è fatto apposta per evitare di dare l’idea di andare al cinema o ad un concerto. L’idea della diocesi di Reggio Emilia è guardata con interesse anche da altre realtà parrocchiali ed è una proposta adatta anche a grandi strutture».

Il punto è tornare a messa con una certa tranquillità, ha detto don Umberto Tagliaferri: «Se a ottobre torna l’influenza, basta sentire un colpo di tosse o qualcuno che si soffia il naso in chiesa e si crea un po’ di allarme. Invece si vuole fare capire che c’è un protocollo di sicurezza che dice che il contagio è altamente improbabile e sono tutti più tranquilli. Si deve potere partecipare alla messa in tranquillità. La gente si lamenta solo se vede persone senza mascherina». – ADNKRONOS

LEGGI ANCHE: Migranti fanno di una chiesa il loro bagno, succede in Grecia.

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close