x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Unicef: “In aumento gravi violazioni contro i bambini”

Voce Contro Corrente

Unicef: “In aumento gravi violazioni contro i bambini”

venerdì 31 Dicembre 2021 - 17:38
Unicef: “In aumento gravi violazioni contro i bambini”

L’Unicef ha lanciato un avvertimento: quest’anno si è verificata un’ondata di gravi violazioni contro i bambini, sia nei conflitti prolungati sia in quelli nuovi. Dall’Afghanistan allo Yemen, dalla Siria all’Etiopia settentrionale, migliaia di bambini hanno pagato un prezzo devastante a causa dei continui conflitti armati, della violenza intercomunitaria e dell’insicurezza.

Mentre i dati per il 2021 non sono ancora disponibili, nel 2020 sono state verificate dalle Nazioni unite 26.425 gravi violazioni contro i bambini. I primi tre mesi del 2021 hanno visto una leggera diminuzione del numero complessivo di violazioni gravi verificate, tuttavia i casi verificati di rapimento e di violenza sessuale sono aumentati a tassi allarmanti – rispettivamente di oltre il 50 e il 10% – rispetto al primo trimestre dell’anno precedente. I rapimenti verificati sono stati più numerosi in Somalia, seguita dalla Repubblica Democratica del Congo (RDC) e dai paesi del bacino del lago Ciad (Ciad, Nigeria, Camerun e Niger). I casi verificati di violenza sessuale sono stati più alti in RDC, Somalia e Repubblica Centrafricana.

“Anno dopo anno, le parti in conflitto continuano a dimostrare un terribile disprezzo per i diritti e il benessere dei bambini”, ha detto la direttrice generale dell’Unicef, Henrietta Fore. “I bambini soffrono e muoiono a causa di questa insensibilità. Ogni sforzo dovrebbe essere fatto per tenere questi bambini al sicuro dal male”, ha aggiunto. Le Nazioni unite hanno verificato 266.000 casi di gravi violazioni contro i bambini in più di 30 situazioni di conflitto in Africa, Asia, Medioriente e America Latina negli ultimi 16 anni. Questi sono solo i casi verificati attraverso il Meccanismo di Monitoraggio e Reporting guidato dalle Nazioni Unite, istituito nel 2005 per documentare sistematicamente le violazioni più gravi contro i bambini nelle zone di conflitto. Le cifre reali saranno molto più alte. L’Afghanistan, per esempio, ha il più alto numero di vittime accertate tra i bambini dal 2005, più di 28.500, pari al 27% di tutte le vittime accertate tra i bambini nel mondo. Allo stesso tempo, la regione del Medio Oriente e del Nord Africa ha il più alto numero di attacchi verificati a scuole e ospedali dal 2005, con 22 attacchi verificati nei primi sei mesi di quest’anno.

 A ottobre, l’Unicef ha ricordato che 10.000 bambini sono stati uccisi o mutilati in Yemen da quando i combattimenti si sono intensificati nel marzo 2015, pari a quattro bambini ogni giorno. Lontano dai titoli, l’Onu ha verificato violazioni in paesi come Burkina Faso, Camerun, Colombia, Libia, Mozambico e Filippine. Proprio la settimana scorsa, quattro bambini sarebbero stati tra le vittime quando almeno 35 persone sono state uccise – tra cui due membri dello staff di Save the Children – nello Stato di Kayah nel Myanmar orientale. Questo è stato solo l’ultimo esempio di alto profilo del devastante tributo che il conflitto impone ai bambini e le continue minacce agli operatori umanitari. Quest’anno ricorrevano i 25 anni dalla pubblicazione del fondamentale rapporto di Graça Machel “L’impatto della guerra sui bambini”, che esortava la comunità internazionale a intraprendere azioni concrete per proteggere i bambini dal flagello della guerra e invitava le Nazioni unite e la comunità globale ad agire per proteggere i bambini. 

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta