x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Giornata dell’infanzia, in Afghanistan 14 milioni di bambini senza cibo

Voce Contro Corrente

Giornata dell’infanzia, in Afghanistan 14 milioni di bambini senza cibo

domenica 21 Novembre 2021 - 20:17
Giornata dell’infanzia, in Afghanistan 14 milioni di bambini senza cibo

Dopo un inverno secco e un raccolto debole, la siccità e l’insicurezza alimentare continuano in tutto il paese. Quasi 14 milioni di bambini in Afghanistan non hanno abbastanza cibo da mangiare. Molti non sanno da dove verrà il loro prossimo pasto. Inoltre, l’Unicef avverte che oltre 1 milione di bambini afgani rischiano di morire a causa della malnutrizione acuta grave, a meno che non ricevano un trattamento immediato. Le epidemie di morbillo stanno mettendo a rischio la vita dei bambini. Mentre le famiglie diventano sempre più disperate, l’Unicef sta osservando tendenze preoccupanti: “Da un aumento dei casi di matrimonio precoce e di lavoro minorile, al reclutamento da parte di gruppi armati e ai bambini che non tornano a scuola. Più di 4 milioni di bambini sono fuori dalla scuola; più della metà di loro sono bambine. “È difficile celebrare l’essere bambini in Afghanistan in questo momento. Chiudendo le nostre piattaforme digitali nella Giornata mondiale dell’INFANZIA, vogliamo inviare un messaggio ai donatori esortandoli a sostenere i bambini dell’Afghanistan”, ha detto Alice Akunga, rappresentante ad interim dell’Unicef in Afghanistan. “I meno responsabili di questa crisi stanno pagando il prezzo più alto.

In risposta alla crisi, l’Unicef sta aumentando i suoi programmi per i bambini. Per esempio, nell’ultimo mese, l’Unicef ha: raddoppiato il numero di operatori che forniscono servizi di nutrizione sul campo: da 36 a 72; curato circa 30.000 bambini sotto i cinque anni affetti da malnutrizione grave e acuta; raddoppiato i team mobili di salute e nutrizione, fornito solo in ottobre a 150.000 donne servizi di consulenza nutrizionale sull’alimentazione materna, infantile e del bambino.

L’Unicef sta anche lavorando con i partner per sensibilizzare le comunità sui rischi del matrimonio infantile che può portare a una sofferenza per tutta la vita. “Le ragazze che si sposano prima dei 18 anni hanno meno probabilità di rimanere a scuola e più probabilità di subire violenza domestica, discriminazione, abusi e scarsa salute mentale. Sono anche più vulnerabili alle complicazioni della gravidanza e del parto. L’Unicef chiede ai leader mondiali di mettere i diritti e il benessere dei bambini afgani al centro delle loro discussioni sul finanziamento della crisi umanitaria”, conclude il comunicato.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta