x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Ddl Zan, Santanchè: “Semmai venisse approvato limiterebbe le nostre opinioni”

Voce Contro Corrente

Ddl Zan, Santanchè: “Semmai venisse approvato limiterebbe le nostre opinioni”

venerdì 02 Luglio 2021 - 20:43
Ddl Zan, Santanchè: “Semmai venisse approvato limiterebbe le nostre opinioni”

“Semmai venisse approvato, il Ddl Zan limiterebbe enormemente la nostra liberta’ di espressione, le nostre opinioni. Gia’ in questi mesi chi non la pensa a favore del Ddl Zan viene massacrato, insultato e tacciato di razzismo. Questo ce la dice lunga sulla pericolosita’ del pensiero unico”. Lo ha detto la senatrice di Fratelli d’Italia, Daniela Santanche’, intervenendo da remoto al convegno organizzato ‘Ddl Zan? No grazie! Le ragioni di un ‘no’, per la liberta’ di tutti’ a Palazzo Pirelli di Milano.

“Non credo che ci sia un’emergenza nella nostra nazione in tal senso, non c’e’ un’escalation di violenza e non serve una legge – ha aggiunto -. Le leggi ci sono gia’ per perseguire tutti coloro che commettono questo tipo di reato. In questo momento noi italiani abbiamo altri problemi”. “Se una Bibbiano dovesse diventare la normalita’ nella scuola di mia nipote, avrei dei dubbi che questo possa rimanere ancora il mio Paese” ha detto Barbara Mazzali, consigliera regionale di Fratelli d’Italia, che ha presentato una mozione in Consiglio Regionale della Lombardia contro il Ddl Zan.

“Sono manifestamente contro il Ddl Zan – ha aggiunto Mazzali -. Lo Stato non deve fare un disegno di legge generico che coinvolge tutto e tutti. C’e’ ben altro che la tutela dei gay nel Ddl Zan, mentre invece stiamo privilegiando una legge per una piccola platea e marginalizzando il 95% dell’umanita’. Regione Lombardia deve esprimere un suo parere su questo Ddl”. Massimo Gandolfini, presidente del Family Day, ha spiegato che “la decisione della Chiesa di intervenire e’ stata enormemente pensata, ragionata e saggia. Questa legge e’ stata fatta coi piedi, fa acqua da ogni parte. E’ una legge assurda dalla prima all’ultima lettera. Stiamo assistendo ad una dittatura del pensiero peggiore di quella delle leggi fascistissime”. “Siamo di fronte ad una legge che stravolge la questione antropologica – ha concluso Pino Morandini, presidente vicario Movimento per la Vita -. Questa legge ha pochissimi interessi nel difendere gli omosessuali ma viene utilizzata per imporre un’ideologia”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta