x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Un milione di casi di cancro non diagnosticati in Ue a causa del Covid

Voce Contro Corrente

Un milione di casi di cancro non diagnosticati in Ue a causa del Covid

giovedì 17 Giugno 2021 - 17:29
Un milione di casi di cancro non diagnosticati in Ue a causa del Covid

Sono quasi un milione i casi di cancro in Europa che passano inosservati a causa del Covid-19, e in totale ammontano a 100 milioni i test di screening oncologici non eseguiti nel Vecchio Continente durante la pandemia. Sono questi i recenti dati pubblicati dall’European Cancer Organisation (E.C.O) che oggi presenta in un webinar la campagna Time To Act: e’ tempo di agire, non permettere al Covid-19 di ostacolare la lotta contro il cancro.

Fino a una persona su due, ricordano gli esperti, con potenziali sintomi di cancro, non e’ stata inviata urgentemente per una diagnosi. Mentre un paziente su cinque in Europa non riceve ancora il trattamento chirurgico o chemioterapico di cui ha bisogno. L’iniziativa Time to Act e’ estesa a tutta Europa e l’obiettivo e’ sollecitare l’opinione pubblica, i pazienti affetti da cancro, i politici e gli operatori sanitari a garantire che il Covid-19 non continui a minare la lotta contro i tumori.

“I risultati mettono “a fuoco” l’impatto del Coronavirus sul cancro – afferma il dott. Matti Apro, Presidente di E.C.O -. Abbiamo disperatamente bisogno di misure urgenti al piu’ alto livello della politica europea per recuperare quanto si e’ perso nel campo del cancro. Bisogna ripristinare la fiducia nei servizi oncologici e affrontare la carenza di forza lavoro e approvvigionamenti”.

In prima linea in Italia per la campagna Time To Act ci sono FOCE (Federazione degli Oncologi, Cardiologi ed Ematologi) e AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica). “Il Covid-19 ha prodotto danni incalcolabili nella diagnosi e nel trattamento dei tumori – sottolinea il prof. Francesco Cognetti, Presidente di FOCE -. E’ inevitabile nel prossimo futuro assistere ad aumento di mortalita’ per queste patologie che potra’ cosi’ annullare i benefici prodotti da ricerca e innovazione negli ultimi 20 anni”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta