x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Addio al professore Alfred Haverkamp: studiò la storia di ebrei e cristiani

Voce Contro Corrente

Addio al professore Alfred Haverkamp: studiò la storia di ebrei e cristiani

venerdì 04 Giugno 2021 - 20:22
Addio al professore Alfred Haverkamp: studiò la storia di ebrei e cristiani

Lo storico tedesco Alfred Haverkamp, specialista della storia della presenza degli Ebrei in Europa durante il Medioevo, è morto a Treviri, in Germania, all’età di 84 anni.

E’ stato titolare della cattedra di storia medievale all’Università di Treviri dal 1970, dove ha insegnato fino al 2005, quando è diventato professore emerito. L’oggetto principale del suo lavoro scientifico è stata la ricerca sulla storia delle popolazioni ebraiche stabilite in Germania e in Europa dall’inizio del Medioevo, su cui ha scritto decine di saggi ed articoli. Haverkamp è stato tra i fondatori della Società per lo studio della storia ebraica nel 1987 e nel 1988 è stato visiting professor presso l’Università Ebraica di Gerusalemme.

Ha condotto indagini in numerosi archivi per realizzare progetti sulla circolazione delle popolazioni in età medievale e sui rapporti tra ebrei e cristiani. Nel 1996 Haverkamp ha fondato l’Istituto per la storia degli ebrei, ribattezzato nel 1998 Istituto Arye-Maimon per la storia degli ebrei, in omaggio allo storico Arye Maimon, nato nel 1903 a Breslavia sotto il cognome di Herbert Fischer. Arye Maimon, costretto ad emigrare nel 1933 e stabilitosi in Israele nel 1949 dove cambiò nome nel 1951, aveva diretto la “Germania Judaica” (un progetto di ricerca e pubblicazione fondato nel 1903 per documentare l’antica vita degli ebrei nell’Europa centrale) e aveva animato il dialogo scientifico, storiografico, intellettuale e interreligioso tedesco-israeliano fino alla sua morte nel 1988. Nel 2011 Haverkamp aveva ricevuto laurea honoris causa dall’Università Ebraica di Gerusalemme.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta