x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Myanmar, proiettili contro la chiesa cattolica di un villaggio: 2 morti

Voce Contro Corrente

Myanmar, proiettili contro la chiesa cattolica di un villaggio: 2 morti

lunedì 24 Maggio 2021 - 19:03
Myanmar, proiettili contro la chiesa cattolica di un villaggio: 2 morti

La chiesa cattolica di un villaggio del Myanmar è stata colpita ieri notte da colpi d’artiglieria sparati da militari birmani, provocando la morte di almeno due donne e il ferimento di numerose altre persone che vi avevano cercato rifugio. Lo hanno riferito i Gesuiti in Myanmar, citati dall’agenzia Fides.

La scorsa notte i militari dell’esercito birmano hanno attaccato con colpi di artiglieria il villaggio di Kayan Tharyar, a 7 km da Loikaw, capitale dello Stato di Kayah, con l’obiettivo di colpire presunti gruppi ribelli, scrive l’agenzia.

Uno dei proiettili di mortaio ha colpito la chiesa cattolica del villaggio, uccidendo almeno due donne e ferendo numerosi altri sfollati che vi avevano cercato rifugio. Gli abitanti del villaggio di Kayan Tharyar, infatti, ritenevano che la chiesa parrocchiale sarebbe stato un “luogo dove potersi rifugiare in sicurezza per chi era in fuga da incidenti e sparatorie nella zona, ma hanno dovuto tragicamente ricredersi”, scrivono i Gesuiti.

Anche la Cattedrale del Sacro Cuore di Pekhon (a una quindicina di chilometri da Loikaw) è stata danneggiata dai colpi di artiglieria. I Gesuiti condannano questi “odiosi crimini nel modo più forte possibile” e chiedono che “i militari birmani siano chiamati a risponderne. I militari – scrivono ancora i religiosi – devono immediatamente smettere gli attacchi contro i civili e contro le chiese”. Le bombe hanno sventrato gli edifici riducendoli in macerie, con immagini che ricordano un teatro di guerra, scrive ancora Fides, ricordando che il Kayah, dove il 75% degli abitanti appartiene a minoranze etniche, è lo stato birmano con la più alta percentuale di cristiani.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta