x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Ddl Zan, Cruciani: “Una legge pericolosa per la libertà d’espressione”

Voce Contro Corrente

Ddl Zan, Cruciani: “Una legge pericolosa per la libertà d’espressione”

martedì 20 Aprile 2021 - 17:31
Ddl Zan, Cruciani: “Una legge pericolosa per la libertà d’espressione”

Matrimoni e adozioni omosessuali, utero in affitto, aborto. Su queste tematiche Giuseppe Cruciani, conduttore de La Zanzara, ha le idee ben precise. Intervistato da Pro Vita e Famiglia, il giornalista ha espresso la sua opinione riguardo al Ddl Zan.

“Non credo che ci sia bisogno di una legge per tutelare gli omosessuali oggetto di violenza – ha detto Cruciani – Il nostro ordinamento già prevede leggi che li proteggono. Lo abbiamo visto tante volte: oggi c’è una notizia di aggressione contro un gay, poi, magari, dopo quindici giorni spunta fuori che si trattava di un’altra cosa… Da questo punto di vista, il ddl Zan è una legge simbolo ma come tutte le leggi simbolo è pericolosa per la libertà d’espressione”.

Che fine farà la libertà d’espressione qualora questa legge venga approvata? “Il problema è un altro. Come sapete, io sono favorevole al matrimonio gay, all’adozione gay e persino all’utero in affitto ma sono anche favorevole al fatto che, chi si oppone a queste cose possa tranquillamente dirlo. Ma anche chi sostiene che essere gay è contro natura deve avere il diritto di dirlo. Quello che è in pericolo è la possibilità che ognuno abbia la propria idea sugli omosessuali, sui transessuali, sulla transessualità. Con il tipo di giustizia che c’è in Italia, si corre il rischio che un’associazione possa querelarti per incitazione all’odio”.

A tal proposito, Cruciani si ricollega al caso di Malika, la ragazza cacciata di casa dopo aver ammesso di essere omosessuale. “Anche qui lo si è evocato ma, in realtà, il ddl Zan cosa c’entra? Quella ragazza aveva già fatto denuncia per violenze, quindi chiedere una legge contro l’omofobia è completamente fuori luogo”.

Qui l’intervista completa

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta