x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Prete lascia il sacerdozio per amore: “Provo un senso di libertà e onestà”

Voce Contro Corrente

Prete lascia il sacerdozio per amore: “Provo un senso di libertà e onestà”

giovedì 15 Aprile 2021 - 15:02
Prete lascia il sacerdozio per amore: “Provo un senso di libertà e onestà”

“Un senso di libertà, onestà e chiarezza” è quello che ha provato l’ormai ex parroco della chiesa di San Felice di Massa Martana, Riccardo Ceccobelli, che ha deciso di lasciare il sacerdozio per amore di una donna. Emozioni così forti che il “tanto piangere” gli ha fatto irritare un occhio, ora protetto da una benda bianca.

“Quando domenica è stato dato l’annuncio della mia decisione ho provato un senso di libertà, onestà e chiarezza” ha ribadito con i giornalisti. Ha quindi ribadito di voler vivere l’amore con questa donna che ha detto di conoscere da almeno 4 anni, sottolineando che “la promessa fatta al vescovo di essere prete fino alla fine non è mai venuta meno” e di non essere mai venuto meno agli obblighi previsti dal ministero.

“Ho iniziato a provare un sentimento nuovo verso questa donna soltanto pochi mesi fa, come possa essere accaduto non lo so”, ha raccontato. “Ne sono rimasto stupito e spaventato – ha aggiunto -, per l’amore che mi arrivava da dentro. È stata una decisione molto dura da prendere quella di lasciare il sacerdozio. Nel mio percorso sono stato sempre accompagnato dal vescovo (monsignor Gualtiero Sigismondi, della diocesi di
Orvieto-Todi – ndr) che mi ha seguito come un padre fa con un figlio. Fin dal primo momento ho parlato con lui perché volevo fare un percorso trasparente, chiaro, onesto, senza dare alcuno scandalo”.

Come immagino la vita da questo momento in poi? Mi affido sempre alla misericordia di Dio“, ha detto ancora don Ceccobelli. “Intanto – ha concluso – ho già ricevuto alcune proposte di lavoro che ora valuterò”.

Foto dal Corriere della Sera

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta