x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

A Myanmar 114 civili uccisi dalla Polizia, tra loro anche bambini: “Inaccettabile violenza”

Voce Contro Corrente

A Myanmar 114 civili uccisi dalla Polizia, tra loro anche bambini: “Inaccettabile violenza”

lunedì 29 Marzo 2021 - 08:48
A Myanmar 114 civili uccisi dalla Polizia, tra loro anche bambini: “Inaccettabile violenza”

È salito ad almeno 114 il numero dei civili uccisi oggi in Birmania nella repressione delle manifestazioni contro il colpo di Stato del mese scorso, secondo quanto riferisce la Cnn citando un bilancio del sito indipendente Myanmar Now. Se confermato, il bilancio delle violenze, in 44 città in tutto il Paese, rappresenta il più sanguinoso dall’inizio delle proteste.

Secondo la stessa fonte tra le vittime c’è una ragazza di 13 anni, uccisa in casa da un colpo d’arma da fuoco quando le forze di sicurezza hanno sparato in un’area residenziale a Meikhtila, nella regione di Mandalay.

114 civili uccisi in Birmania dalla Polizia: la condanna degli Usa, Ue e Onu

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, l’Unione europea e le Nazioni Unite hanno condannato la violenta repressione delle manifestazioni di protesta contro il colpo di Stato militare in Myanmar che nell’ultimo fine settimana ha provocato almeno 114 vittime, tra cui alcuni bambini.

“È terribile”, ha dichiarato Biden. “È assolutamente scandaloso, secondo le informazioni che ho ricevuto, molte persone sono state uccise in modo totalmente inutile”. L’Unione Europea, attraverso la voce del suo capo della diplomazia Josep Borrell, ha condannato da parte sua “un’inaccettabile escalation di violenza”, “una strada insensata” scelta dalla giunta militare birmana. L’Alto rappresentante ha definito ieri la giornata di sabato un “giorno di orrore e vergogna”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta