x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Creati i primi blastoidi, simil-embrioni umani da cellule staminali

Voce Contro Corrente

Creati i primi blastoidi, simil-embrioni umani da cellule staminali

giovedì 18 Marzo 2021 - 12:17
Creati i primi blastoidi, simil-embrioni umani da cellule staminali

Si chiamano blastoidi e sono stati creati per la prima volta in laboratorio da cellule staminali o della pelle riprogrammate. Si tratta di simil-embrioni umani. Il nome è dovuto al fatto che ricapitolano lo sviluppo dell’embrione allo stadio iniziale (blastocisti).

Creati i primi blastoidi in laboratorio

I blastoidi umani vengono alla luce dopo i primi esemplari di embrioni sintetici di topo, creati nel 2017 e nel 2018 in Gran Bretagna e nei Paesi Bassi. Saranno impiegati per approfondire problemi di fertilità, malattie congenite e le prime fasi dello sviluppo umano. 

A coordinare le ricerche la Monash University di Melbourne e il Southwestern Medical Center dell’università del Texas. “Nature” ha pubblicato i due studi indipendenti.

La ricerca, adoperando questi organoidi, eviterà l’uso di embrioni veri umani o animali.

Due strade per lo stesso scopo

I due studi hanno seguito strade diverse per giungere ad un risultato analogo.

Alla Monash University, il gruppo sotto la guida di Jose Polo ha riprogrammato cellule adulte prelevate dalla pelle. Queste sono state coltivate in 3D fino a raggiungere la forma dell’iBlastoide, ossia un blastoide indotto. Per architettura e genetica la struttura è infatti simile a una blastocisti.

Il gruppo dell’università del Texas, guidato da Jun Wu, ha lavorato su cellule staminali pluripotenti umane. Il blastoide ottenuto, per morfologia, dimensione, numero e varietà di cellule, è paragonabile a una blastocisti. Tuttavia, non è possibile che esso si evolva in un embrione vitale.

Leggi anche: Idrossiclorochina, ritirato lo studio sull’inefficacia contro il Covid-19

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta