x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

In Piemonte per fare innervosire la sinistra basta applicare la legge 194

Voce Contro Corrente

In Piemonte per fare innervosire la sinistra basta applicare la legge 194

Diego Torre

 |
martedì 16 Marzo 2021 - 10:26

Eppure la legge, che essi dichiarano sotto attacco, parla chiaro; all’art. 2 recita: “I consultori sulla base di appositi regolamenti o convenzioni possono avvalersi, per i fini previsti dalla legge, della collaborazione volontaria di idonee formazioni sociali di base, e di associazioni del volontariato, che possono anche aiutare la maternità difficile dopo la nascita”.

Sono quelle associazioni, composte soprattutto da donne, che, nel corso degli ultimi 43 anni, segnati dalla eliminazione di 6.000.000 di innocenti, hanno affiancato tante madri in difficoltà, sostenendole nella loro disperazione, perché indigenti o abbandonate da maschi irresponsabili e vili, salvando così migliaia di bimbi. E tutto ciò lo hanno realizzato nel silenzio e con pochissimi mezzi, forniti dallo sforzo generoso dei volontari.

L’attacco inizia dal segretario piemontese del Pd, Paolo Furia, che, come una furia, parla di “furia ideologica” dell’assessore Marrone. Troppe furie per un ragionamento di buon senso. Qualche altro accusa la nota di considerare le donne come “poco avvedute”. Ma se chi abortisce lo fa con avvedutezza, perché temere un confronto con chi ricorda l’ovvietà di una vita soppressa? La donna è matura solo se decide di sopprimere la vita anziché darla alla luce?

In realtà, tanto vetero-femminismo teme la verità e vuole evitare ogni confronto. La libidine di morte di tanto mondo politico trema e si infuria dinnanzi a qualunque tentativo di riflessione che parte da un dato scientifico ineludibile: il concepito è una persona umana che viene soppressa. Una realtà che non dovrebbe piacere ad alcuno, in particolare al diretto interessato. Ma di lui tutto l’arco abortista-progressista non parla mai. Egli, il soppresso, non è un soggetto politicamente interessante, non vota e non paga le tasse. E la libertà di scelta della donna, tanto strombazzata? A senso unico. Soltanto pollice verso, come nelle lotte dei gladiatori, morte.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta