x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Il bacio gay di Achille Lauro e Fiorello con la corona di spine a Sanremo 2021: spettacolo indecente in prima serata

Voce Contro Corrente

Il bacio gay di Achille Lauro e Fiorello con la corona di spine a Sanremo 2021: spettacolo indecente in prima serata

sabato 06 Marzo 2021 - 11:14
Il bacio gay di Achille Lauro e Fiorello con la corona di spine a Sanremo 2021: spettacolo indecente in prima serata

Un bacio gay, un matrimonio punk rock in abito bianco coperto di piume, la bandiera tricolore. Achille Lauro prova a dare nuovamente spettacolo a Sanremo 2021, con un’esibizione destinata a far discutere. Un look definito da Lauro come anticonformista, libero da qualsiasi regola prestabilita. Per noi il tutto è solamente indecoroso, imbarazzante e irrispettoso. Uno spettacolo che la Rai poteva evitare. Così come poteva evitare l’ingresso di Fiorello sul palco con una corona di spine in testa.

Il bacio gay di Achille Lauro sul palco di Sanremo

“Dio benedica chi se ne frega”, scandisce Lauro prima fare il suo ingresso. “Sono il punk rock. Icona della scorrettezza e purezza dell’anticonformismo”, scrive sui suoi social raccontando la performance. E per dare ancor più forza al messaggio bacia sulla bocca il chitarrista Boss Doms, che indossa un completo – anche lui bianco – e il velo da sposa.

Il messaggio è chiaro: “Sono un bambino con la cresta, un uomo con le calze a rete, una donna che si lava del perbenismo e si sporca di libertà. Sono l’estetica del rifiuto, rifiuto dell’appartenenza ad ogni ideologia”.

Achille Lauro a Sanremo, è polemica sui social

L’esibizione di Lauro è motivo di polemiche sui social network. Così commenta Morgan in una diretta sui social network: “Che credibilità può esserci con il travestimento? Che credibilità può avere, in questo modo, la realtà musicale che vuoi rappresentare?”. Continua Morgan: “Questo genere di cose, potrebbero andar bene solo per sarcasmo, demenzialità. Ad esempio il tipo di musica di Elio e le storie tese”.

“Al netto d’ogni altra considerazione sul buon gusto, come si conciliano il maniacale messaggio su distanziamenti, mascherine a tutti gli orchestrali, Fiorello con i guanti in lattice con il messaggio “Dio benedica chi se ne frega” che ha accompagnato l’ammucchiata gay di Achille Lauro sul palco del teatro Ariston di Sanremo? L’operazione ideologica avanzata dal direttore di Raiuno Stefano Coletta con questo festival prono alla propaganda Lgbt e agli aspetti più assurdi del politicamente corretto racconta un’attitudine orwelliana alla prepotenza che aiuterà a spiegare perché tutto questo è inaccettabile”. Così Mario Adinolfi su Facebook.

Anche Federico Mollicone, commissario di vigilanza Rai, interviene sulle esibizioni di Achille Lauro a Sanremo. “Sul palco dell’Ariston Achille Lauro si presenta con il Sacro Cuore di Gesù, simbolo religioso cristiano e di numerosi Stati e ricorrenza del calendario liturgico quest’anno sarà il 21 giugno, ledendo la sensibilità e la fede della maggioranza degli italiani”.

“Chiediamo come sia stato possibile, senza bigottismi, che in uno show nazionalpopolare nessuno abbia vigilato. È uno dei motivi per cui riteniamo che la direzione artistica debba tornare sotto il controllo di Rai“, conclude.

Pillon: “Il festival degli omosex e delle bestemmie, sono stanco di vedere le follie gender sul palco di Sanremo”

Anche il senatore della Lega Simone Pillon si è espresso in merito e in modo abbastanza duro.

“Quest’anno il festival viene invaso da baci omosex, sermoni sulla bellezza della transizione sessuale, continuo ammiccamento LGBT, divetti trash che si impiumano e bestemmiano la religione cristiana… Capirai che novità…
Tutto già visto. Sogno un festival di Sanremo che sia momento di arte, di musica, di bellezza. Sono stanco di vedere il palco dell’Ariston trasformato in megafono per le follie Gender. Perchè il massimo evento musicale italiano deve diventare anno dopo anno una sorta di ossessivo gay pride?
Lo so, abbiamo problemi molto più seri, ma quelli sono pur sempre soldi pubblici, e non possono essere usati per promuovere le false ideologie di parte”.

Leggi anche

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta