x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

“Perché il re vale più della regina?”: olandese inventa le carte genderless

Voce Contro Corrente

“Perché il re vale più della regina?”: olandese inventa le carte genderless

giovedì 28 Gennaio 2021 - 10:15
“Perché il re vale più della regina?”: olandese inventa le carte genderless

Discriminazione di genere nelle carte. Ebbene sì, Indy Mellink, giovane olandese laureata in psicologia forense, ha accusato il tradizionale sistema delle carte da gioco di essere discriminatorio, dal momento che assegna alla figura maschile (il re) un valore superiore rispetto a quella femminile (la regina). “Una sottile disuguaglianza che influenza le persone nella loro vita quotidiana”, ha addirittura sostenuto la Mellink, che ha realizzato e messo in commercio il mazzo di carte genderless da lei ridisegnato.

Carte genderless, l’ultima trovata direttamente dall’Olanda

Le figure “umane” sono sostituite dai metalli. Oro, argento e bronzo al posto di King, Queen e Jack, nella speranza che almeno i metalli stessi non abbiano nulla da obiettare.

L’assurda proposta, che sembra quasi una barzelletta e che invece è rappresentazione di ciò a cui si rivolgono oggi determinate battaglie contro la discriminazione di genere, non pare essere nemmeno la prima.

Nel 2017 la tredicenne israeliana Maayan Segal sfornò un mazzo che, pur di mettere figure maschili e femminili sullo stesso piano, era composto da un maggior numero di carte. Ecco dunque re e regine, principi e principesse, duchi e duchesse.

Se Indy Mellink non può quindi nemmeno vantarsi di essere la prima ad aver concepito la brillante idea, può però gloriarsi di aver riscosso maggiore successo.

Ad oggi i mazzi GSB (Gold, Silver, Bronze) prodotti sono almeno 1.500. Diversi sono stati spediti in Belgio, Germania, Francia e Stati Uniti.

Berit van Dobbenburgh, capo della Dutch Bridge Association, si chiede: “È complicato fare un passaggio formale da re e regine, perché ciò richiederebbe l’aggiornamento delle regole. Mi chiedo se ne valga la pena“. E ce lo chiediamo anche noi. Chi sentiva il bisogno di questa trovata?

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta