x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

“Siringhe inadatte ai vaccini”, il flop di Arcuri crea disagi negli ospedali italiani

Voce Contro Corrente

“Siringhe inadatte ai vaccini”, il flop di Arcuri crea disagi negli ospedali italiani

martedì 05 Gennaio 2021 - 08:00
“Siringhe inadatte ai vaccini”, il flop di Arcuri crea disagi negli ospedali italiani

Nelle ultime ore è polemica sulle siringhe utilizzate dagli ospedali italiani per iniettare il vaccino anti Covid. Molte delle siringhe inviate ai presidi ospedalieri regionali dal commissario Domenico Arcuri – fa sapere Libero Quotidiano – sarebbero mal funzionanti e dunque non idonee al loro utilizzo.

La polemica sulle siringhe non funzionanti

Dopo la bufera sul ritardo della somministrazione delle dosi di vaccino, la Lombardia ha dato il via alla campagna a tappeto per la vaccinazione di medici e operatori sanitari. Insieme alle dosi consegnate, il commissari Arcuri ha spedito anche migliaia delle siringhe indispensabili per ricavare il 20% in più del prezioso siero da ogni fiala targata Pfizer. Ogni fiala contiene 5 dosi di vaccino da 0,3 millilitri. Una volta scongelata, la soluzione deve essere diluita, utilizzando una siringa da 1 ml munita di tacchette. I sanitari hanno però fatto sapere che circa il 40% dei dispositivi da 5 ml inviati da Roma risulti del tutto inadatto. Per questo motivo alcuni ospedali saranno costretti a utilizzare le proprie scorte di siringhe.

Disagi non solo in Lombardia

I problemi non si stanno verificando solo in Lombardia ma anche in Liguria. Il presidente Giovanni Toti ha informato che si stanno utilizzando le siringhe stoccate negli ospedali, perché molti dei dispositivi arrivati sono da 3 e 5 ml. Intoppi che rischiano di rallentare la campagna vaccinale.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta