x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Allarme dell’ISTAT, culle vuote in Italia: crollo delle nascite nel 2019

Voce Contro Corrente

Allarme dell’ISTAT, culle vuote in Italia: crollo delle nascite nel 2019

lunedì 13 Luglio 2020 - 19:38
Allarme dell’ISTAT, culle vuote in Italia: crollo delle nascite nel 2019

Culle sempre più vuote in Italia tanto da raggiungere il minimo storico dall'Unità d'Italia con nascite in calo, nel 2019, del 4,5% rispetto all'anno precedente.

Culle sempre più vuote in Italia tanto da raggiungere il minimo storico dall’Unità d’Italia con nascite in calo, nel 2019, del 4,5% rispetto all’anno precedente. È la fotografia dell’Istat nel suo Bilancio demografico nazionale.

Secondo i dati dell’Istituto di statistica, infatti, lo scorso anno sono venuti al mondo solo 420.170 nuovi nati, superando il record negativo del 2018 con 19mila nascite in meno. Un calo che interessa l’intero territorio nazionale che segna una maggiore incidenza al centro (-6,5%).

«I dati pubblicati oggi dall’Istat fotografano una situazione preoccupante del paese, con un nuovo minimo storico delle nascite (-4.5% dal 2018 al 2019), mentre continuano ad aumentare il numero dei decessi e di coloro che emigrano all’estero». Così Simona Baldassarre, eurodeputata leghista.

«Questo dimostra, ancora una volta, come sia necessario provvedere a misure sociali, culturali ed economiche a sostegno della natalità e della famiglia, primo motore della società. Senza figli, il Paese non ha futuro. Invece di occuparsi di migranti e monopattini, il Governo si preoccupi piuttosto di far in modo che mettere al mondo un bambino non sia più un dramma per molte giovani coppie italiane. Per scongiurare la stagnazione dell’Italia, serve una nuova primavera demografica», ha aggiunto l’europarlamentare.

Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia (PdF), ha affermato: «Siamo davvero dentro la vera tragedia italiana che il governo non riesce a percepire, si aggraverà per effetto del Covid. Ancora un minimo storico delle nascite ufficializzato da ISTAT nel 2019: -4.5%, 19mila nati in meno. Nel 2020 scenderemo sotto le 400mila unità».

E ancora: «Nel 1946 l’Italia risorse dalle macerie facendo più del quadruplo dei neonati. Si moriva di fame nel 1946. Ma l’Italia era pronta a rimboccarsi le maniche. Meno di trent’anni dopo nel 1975 il nostro Paese, grazie a quei giovani, era nel G7 tra le nazioni più ricche del mondo. Solo con il Reddito di maternità proposto dal Popolo della famiglia torneremo a fare figli e vedremo l’Italia ripartire. Altre cure contro la denatalità non esistono o sono velleitarie. Copiate la proposta di legge depositata dal PdF, mille euro al mese per i primi otto anni di vita del figlio alle donne che svolgeranno la propria attività lavorativa occupandosi dei figli e della famiglia in via esclusiva».

LEGGI ANCHE: Migranti, Santelli contro Conte: “Stop agli sbarchi o lo farò io”

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta