x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Zaia: “Il vero tema è ora il ritorno del coronavirus in autunno”

Voce Contro Corrente

Zaia: “Il vero tema è ora il ritorno del coronavirus in autunno”

sabato 18 Aprile 2020 - 14:20
Zaia: “Il vero tema è ora il ritorno del coronavirus in autunno”

Così il governatore di Regione Veneto, Luca Zaia, nella conferenza stampa quotidiana sull'epidemia di coronavirus. Le sue parole.

«Il vero tema ora è il ritorno del virus in autunno. Ci prepariamo a una nuova fase acuta. Abbiamo avuto una lunghissima videoconferenza con i direttori generali delle aziende sanitarie del Veneto e abbiamo fatto una proiezione su settembre-ottobre, mesi in cui dovremo farci trovare sani e pronti a una nuova ondata».

Così il governatore di Regione Veneto, Luca Zaia, nella conferenza stampa quotidiana sull’epidemia di coronavirus.

Zaia, inoltre, ha affermato: «Come abbiamo chiuso con gradualità questo Paese, ritengo che nel momento in cui ci siano i presupposti per riaprire, si possa riaprire con gradualità. In Veneto i numeri dimostrano che da 12 giorni si sta andando verso una direzione di flessione», aggiungendoche «mon dobbiamo comunque fare la ‘festa della liberazione’. Non ci siamo liberati dal virus ma dovremmo conviverci perché il virus non se va».

Per quanto riguarda, comunque, la situazione aggiornata in Veneto il governatore ha detto: «Sono 15.692 i casi di positività al coronavirus oggi, mentre i tamponi effettuati ad oggi sono stati 247.329. I pazienti ricoverati sono 1.477 e sono 79 in meno, così come i pazienti ricoverati in terapia intensiva scesi a 190, 7 in meno rispetto a ieri – ormai abbiamo da 5 a 10 pazienti in meno ogni giorno in terapia intensiva, mentre i pazienti guariti e dimessi  sono saliti a 2501,  e superano ancora i ricoverati. Purtroppo si registrano 23 nuovi decessi, che portano il numero totale dall’inizio dell’emergenza a 900».

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Guerra (OMS): “Inevitabili nuovi focolai dopo la riapertura”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta