x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

L’amore ai tempi del coronavirus: un’anziana donna visita il marito attraverso una finestra

Filippa Tagliarino

L’amore ai tempi del coronavirus: un’anziana donna visita il marito attraverso una finestra

sabato 07 Marzo 2020 - 14:38
L’amore ai tempi del coronavirus: un’anziana donna visita il marito attraverso una finestra

Da Washington la straziante storia di Dorothy Campbell, un'anziana donna che affronta il coronavirus pur di vedere il marito ricoverato in quarantena.

Il coronavirus miete vittime indifese, si nutre specialmente di corpi deboli e, entrato in una casa di cura, lascia ben poche speranze.

Questo lo sa bene Dorothy Campbell, di 88 anni, che in quella ‘trappola stagnante’ ha qualcuno di prezioso, il suo Gene, il marito di 89 anni.

L’uomo, isolato nella casa di cura colpita dal coronavirus, ha avuto una sorpresa. Una foto straziante ha catturato Dorothy Campbell che cerca di avere un contatto col marito attraverso il vetro della casa di cura Life Care Center di Washington, dove in pochi giorni sono morte 10 persone e 70 sono state infettate.

Secondo il canale di informazione NBC Bay Area, nella struttura di Kirkland, a Washington, diversi residenti sono già morti a causa del virus e Gene rischia. Perciò, Dorothy, che vive nella vicina Bothell, Washington, con delle pantofole, un bastone e i suoi acciacchi si è recata nella struttura in quarantena, aiutata dal figlio Charlie, che si è offerto di accompagnarla in quei 13 chilometri che la separavano dal suo compagno di vita.

Nel frattempo, diverse famiglie hanno organizzato una manifestazione per esprimere le loro preoccupazioni per la struttura di assistenza a lungo termine:« Ci lamentiamo da giorni della mancanza di informazioni».

In una dichiarazione, il Life Care Center ha risposto all’accusa: «Il nostro personale continua a fornire assistenza ai nostri residenti, la massima priorità della struttura, e ai nostri collaboratori, che sono la nostra più grande risorsa per fornire le cure».

«Siamo in lutto con le famiglie che hanno perso i propri cari; persone che erano membri importanti della nostra famiglia professionale», ha dichiarato Beecher Hunter, presidente dei Centri d’assistenza in America.

« La vita è sacra e preziosa e quando si perde, un po’ di quelli nella loro cerchie di amici muore con loro», ha aggiunto Hunter.

In tempi di epidemia un vetro diventa lo sguardo fiducioso di due innamorati che sperano, un giorno, di potersi ricongiungere.

                                                                              Filippa Tagliarino

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta