x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Junior Cally a Sanremo, petizione di Pro Vita e Famiglia per chiederne l’esclusione

Gabriele Giovanni Vernengo

Junior Cally a Sanremo, petizione di Pro Vita e Famiglia per chiederne l’esclusione

giovedì 30 Gennaio 2020 - 19:19

Una petizione, partita dall’associazione nazionale Pro Vita e Famiglia per bloccare la partecipazione di Junior Cally al Festival di Sanremo.

Una petizione, partita dall’associazione nazionale Pro Vita e Famiglia (realtà che, tramite campagne di sensibilizzazione, eventi formativi, assistenza a persone e famiglie bisognose, mezzi di informazione, interventi presso le istituzioni e iniziative legali, agisce in difesa della vita) per bloccare la partecipazione di Junior Cally, all’anagrafe Antonio Signore, rapper romano classe 1991, alla prossima edizione del Festival di Sanremo che avrà inizio martedì 4 febbraio. I testi del rapper «mascherato» alimentano la violenza e tematiche alquanto discutibili.

I TESTI PIÙ INCRIMINATI

Tra i brani che hanno destato più scalpore, ci sono: «Strega» , (nel videoclip si vede una ragazza che viene brutalizza) e «Regola1» , in cui fantastica di usare alcune showgirl come oggetti di piacere, cantando «stupro mia nonna dentro un bosco». Nei giorni scorsi, la notizia riguardante la partecipazione del rapper in maschera ha destato parecchio scalpore. 

COME FIRMARE LA PETIZIONE

Per visualizzare la petizione, clicca qui.

Gabriele Giovanni Vernengo

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta