x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Renzi lascia il PD e annuncia la nascita di un nuovo partito / LE SUE PAROLE

Voce Contro Corrente

Renzi lascia il PD e annuncia la nascita di un nuovo partito / LE SUE PAROLE

martedì 17 Settembre 2019 - 10:05
Renzi lascia il PD e annuncia la nascita di un nuovo partito / LE SUE PAROLE

Matteo Renzi ha lasciato il Partito Democratico e lo ha comunicato tramite un'intervista rilasciata a Repubblica e in un post pubblicato su Facebook.

(di Redazione) Matteo Renzi, come già preannunciato ieri sera al premier Giuseppe Conte, ha lasciato il Partito Democratico e lo ha comunicato tramite un’intervista rilasciata a Repubblica e in un post pubblicato su Facebook.
Sul social media, l’ex presidente del Consiglio dei Ministri ha affermato: «Ho deciso di lasciare il Pd e di costruire insieme ad altri una Casa nuova per fare politica in modo diverso. Dopo sette anni di fuoco amico penso si debba prendere atto che i nostri valori, le nostre idee, i nostri sogni non possono essere tutti i giorni oggetto di litigi interni. La vittoria che abbiamo ottenuto in Parlamento contro il populismo e Salvini e’ stata importante per salvare l’Italia, ma non basta».
E ancora: «Adesso si tratta di costruire una Casa giovane, innovativa, femminista, dove si lancino idee e proposte per l’Italia e per la nostra Europa. C’è uno spazio enorme per una politica diversa. Per una politica viva, fatta di passioni e di partecipazione. Questo spazio attende solo il nostro impegno. Lascio le polemiche e le dietrologie a chi sta nei palazzi».
«Io sorrido a tutti e auguro buon ritorno a chi adesso rientrerà nel Pd – ha aggiunto Renzi – E in bocca al lupo a chi vi resterà. Per me c’è una strada nuova da percorrere. Lo faremo zaino in spalla, passo dopo passo. La politica richiede proposte e coraggio, non solo giochi di corrente. Noi ci siamo. Offriamo il nostro entusiasmo a chi ci dara’ una mano. Offriamo il nostro rispetto a chi ci criticherà. Ma offriremo soprattutto idee e sogni per l’Italia di domani. Ci vediamo alla Leopolda».
Il commento di Nicola Zingaretti, segretario del PD: «Ci dispiace. Un errore dividere il Pd, specie in un momento in cui la sua forza è indispensabile per la qualità della nostra democrazia. Ora pensiamo al futuro degli italiani, lavoro, ambiente, imprese, scuola, investimenti. Una nuova agenda e il bisogno di ricostruire una speranza con il buon governo e un nuovo Partito democratico».

Redazione