x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Liberalizzare la droga? Sentite cos'ha detto un ufficiale di polizia del Regno Unito…

Voce Contro Corrente

Liberalizzare la droga? Sentite cos'ha detto un ufficiale di polizia del Regno Unito…

lunedì 16 Settembre 2019 - 19:52
Liberalizzare la droga? Sentite cos'ha detto un ufficiale di polizia del Regno Unito…

La legalizzazione delle droghe non risolverebbe i problemi dell'abuso di droga o delle bande criminali. L'avvertimento di un ufficiale di polizia.

La legalizzazione delle droghe non risolverebbe i problemi dell’abuso di droga o delle bande criminali. L’avvertimento di un ufficiale di polizia.

(di Walter Giannò) C’è chi sostiene – come Roberto Saviano – che indebolire le leggi attuali sulle sostanze stupefacenti contribuirebbe a combattere lo spaccio gestito dalle associazioni criminali.
Ma Andy Cooke, che guida la polizia del Merseyside (una contea del Regno Unito), ha spiegato che i criminali continueranno a trovare i modi per provocare dolore e sofferenza.

Violenza

Parlando al Daily Express, l’ufficiale di polizia ha affermato: «Non voglio che le droghe siano legalizzate. Non risolverà il problema delle persone che assumono le sostanze stupefacenti né fermerà la violenza». I criminali, secondo Cooke, useranno «qualsiasi mezzo possibile per fare soldi e non si preoccuperanno affatto dell’impatto sulle altre persone».

Depenalizzazione

Nel Regno Unito ad essere favorevole alla depenalizzazione delle droghe è stato il Commissariato della Polizia del Galles del Nord a cui ha risposto il politico gallese Darren Millar: «Il nostro commissariato dovrebbe aiutare la polizia a far rispettare la legge non ad incoraggiare le persone a violarla».
E nell’ottobre 2018 l’ex capo della polizia metropolitana Bernard Hogan-Howe ha suggerito che potrebbe essere arrivato il momento di cambiare radicalmente la politica sulle droghe, sostenendo la necessità di un gruppo di esperti per «esaminare le prove accumulate sulla legalizzazione con un atteggiamento di apertura mentale».
Ma, come raccontato su Christian.org.uk, la madre di un uomo che è morto dopo aver sperimentato una malattia mentale indotta dalla cannabis ha respinto tale ipotesi.
Al figlio di Janie Hamilton è stato diagnosticato un cancro ai testicoli nel 2014 ma i medici ritennero che la sua psicosi lo abbia portato a rifiutare il trattamento.
«Non potrei mai convincermi che approvare la legalizzazione di una droga sia una scelta giusta, visto che ha fatto deragliare la vita di mio figlio e quella di tanti altri giovani che ho visto nei reparti di salute mentale», ha detto la donna.

Walter Giannò