x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Aborto, la Germania dice no: scoppia lo scontro ma la vita resta al primo posto

Voce Contro Corrente

Aborto, la Germania dice no: scoppia lo scontro ma la vita resta al primo posto

venerdì 22 Febbraio 2019 - 12:03
Aborto, la Germania dice no: scoppia lo scontro ma la vita resta al primo posto

In Germania scoppia lo scontro tra conservatori e radicali, ma la legge non si tocca: la vita umana è ancora costituzionalmente protetta.

Una buona notizia dal fronte tedesco: l’aborto non vince, la vita umana sin dal concepimento è ancora protetta costituzionalmente.

In Germania la pratica è legale ma sempre fortemente scoraggiata. Una legge prevede il divieto assoluto di pubblicizzare l’aborto. Il nuovo scontro è nato dopo la multa di 6000 data a un medico che aveva dato a una paziente tutte le informazioni utili per abortire.

Nonostante la sinistra, i verdi e i socialisti abbiano reso mediatico il caso, chiedendo aiuto alle associazioni abortiste e femministe di tutto il mondo, la nuova Segretaria della coalizione moderata Csu-Cdu ha affermato la sua totale contrarietà a ogni modifica legislativa.

La Germania registra una media di 100.000 aborti per 790.000 nascite. L’obiettivo è ridurre i casi e aumentare la natalità. Tuttavia, su pressione del governo Merkel è prevista una proposta di mediazione che autorizzerà i medici a fornire alle donne le informazioni.

Gli aborti continueranno però a essere sanzionati dal codice penale, ai sensi della sezione 218. In generale le donne tedesche possono abortire solo se seguono regole severe o se sono a rischio di vita. In ogni caso l’aborto non è rimborsabile dall’assicurazione sanitaria.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta