14enne down gioca a pallavolo con le compagne più giovani: esclusa dal torneo

di VoceControCorrente

Laia, che ha giocato per otto anni tra le fila dell’Esplugues Voleibol Club di Barcellona, troppo ‘vecchia’ per soddisfare i criteri. La ragazza, 14 anni e con la Sindrome di Down, può ancora partecipare alla Spanish Voleibol Cup ma in una squadra con un’altra fascia d’età.

Una decisione che ha fatto arrabbiare sia i genitori di Laia che le sue compagne di squadra che hanno minacciato di ritirarsi dalla competizione. La madre di Laia, Marta Montserrat, ha dichiarato che gli organizzatori della competizione dovrebbero fare un’eccezione per consentire alla figlia di giocare con la squadra di cui fa parte dal 2011.

«L’obiettivo di questi gruppi sportivi è promuovere la crescita personale, l’autostima e il lavoro di squadra», ha scritto la donna su Twitter, sottolineando che non in precedenza non c’era mai stato alcun problema tra Laia e la Lega.

Altre squadre partecipanti al torneo hanno offerto il loro sostegno, sostenendo di non avere alcuna obiezione alla possibilità che Laia giochi con il suo club. Alcune, inoltre, hanno minacciato di ritirarsi se non fosse permesso alla 14enne di giocare per la sua squadra.

LEGGI ANCHE: Roma, 40enne rischia l’aborto ma viene soccorsa da un tassista.

«Se Laia non gioca, non lo faremo neanche noi», ha twittato il presidente della squadra di pallavolo del Madrid, Dani Virumbrales. Sui social media, inoltre, per esprimere solidarietà alla 14enne in molti hanno usato l’hashtat #LaiaJuega (#LaiaGioca).

Si è appreso, infine, che il presidente della Federazione spagnola di pallavolo, Agustín Martín, ha invitato la squadra catalana a presentare un atto scritto formale per richiedere la partecipazione di Laia al torneo così da essere «presa in considerazione».

La Sindrome di Down è una condizione genetica che di solito influisce sull’apprendimento o sull’abilità fisica di una persona: potrebbe essere necessario un po’ più di tempo a chi ha questa ondizione per elaborare le informazioni, svolgere un compito o acquisire nuove abilità.

LEGGI ANCHE: Torna in Italia Alvin, il bimbo portato in Siria dalla madre affiliata all’Isis.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati