Storie

12enne abbandona il suo cucciolo per proteggerlo dal padre violento

«Mi chiamo Andrés e ho 12 anni. Mia madre e io abbiamo deciso di lasciare il mio cane alle vostre cure, poiché mio padre lo maltratta e lo prende a calci. Un giorno lo ha preso a calci così forte da fargli male alla coda. Gli ho lasciato un animale di peluche, così non mi dimenticherà».

Così recita il post che rapidamente ha attirato l’attenzione di molti utenti, commossi dalla storia di un cane maltrattato e del suo padroncino che rinuncia alla sua compagnia per salvarlo. Il rifugio a cui è stato affidato, chiamato Xollin, nello stato messicano di Michoacan, ha condiviso le immagini del piccolo animale, che è stato lasciato con una nota straziante che spiega la sua particolare situazione. Fortunatamente, sembra che il cane abbia davanti a sé un futuro luminoso e felice.

«Come vorrei che questo bambino potesse sapere che il suo cane sia al sicuro adesso e quanto sia stato coraggioso e generoso da parte sua pensare prima al cucciolo», ha scritto un utente, «vorrei poter abbracciare questo ragazzino e pregare che suo padre cambi», ha scritto un altro.

La commovente storia ha creato un catena di sensibilizzazione, infatti, secondo un recente post condiviso dal rifugio sui social media, il cane, ora chiamato Rene, ha ricevuto oltre 300 richieste di adozione.

Una vicenda a lieto fine grazie ad un gesto di altruismo e di rinuncia: il sacrificio di un bambino per rinnovare la vita di un cucciolo di cane.

Filippa Tagliarino

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close